Mehldau neo-cool

In trio a Ferrara per il Bologna Jazz Festival

Recensione
jazz
Bologna Jazz Festival Ferrara
15 Novembre 2012
Curioso che il Bologna Jazz Festival si inauguri a Ferrara, ma la bellezza del teatro, la perfezione del suono e il tutto esaurito hanno più che giustificato un’apertura in grande spolvero. Dall’attacco di “Hey Joe” si è compresa la direzione del trio: energia trattenuta, sottili cambiamenti di dinamica, preziosità di colori, tensione costante e sottopelle, interplay ai massimi livelli. Una dimensione neo-cool, si potrebbe dire, scaturita dal repertorio del disco [i]Where Do You Start[/i], incardinata sui contrappunti tra mano destra e sinistra del piano e il dialogo fitto, brulicante di dettagli, con basso e batteria. In effetti mentre Mehldau gioca a togliere, Grenadier e Ballard (entrambi in stato di grazia) aggiungono aria, respiro, in un gioco integrato che lascia ammirati per le minuzie, la leggerezza, il relax. Tanta meraviglia non sempre fa scattare, almeno in chi scrive, il senso di un’autentica motivazione. A volte si ha l’impressione di trovarsi davanti a una formula, altre volte Mehldau sembra confinarsi in una certa uniformità di colore. Ma in un paio di momenti in solitudine il pianista ha saputo liberarsi ad altezze notevoli: nella ingegnosa introduzione ad “Airegin” di Rollins (giocata sul mordente iniziale del tema) e nella stupefacente cadenza di “Where Do You Start” che, estesa per quasi metà del brano, lascia intravvedere un diverso bilanciamento formale del trio.

Interpreti: Brad Mehldau: pianoforte; Larry Grenadier: contrabbasso; Jeff Ballard: batteria.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Successo per la decima edizione del festival di Roccabianca, con Fabrizio Bosso e i Blue Moka

jazz

Il festival di Sant'Anna Arresi si conferma tra gli appuntamenti più originali e interessanti in Italia (e non solo)

jazz

Reportage dal festival austriaco, per raccontare la consueta parata di nuova musica avventurosa tra nuove stelle e vecchi leoni