Mare e Miniere 1 | Seminari e seminaristi

Reportage dai corsi di musica popolare di Sant'Antioco, in Sardegna

Recensione
world

«Non è un’audizione» ma spaventa un po’ lo stesso: i circa 40 cantanti del seminario sono in cerchio, intorno a Elena Ledda e Simonetta Soro, che il corso lo conducono. «Serve solo a capire come cantate». Nel cerchio ci sono principianti, professionisti di lungo corso, bambini e anziani. È il primo giorno di Mare e Miniere 2017 e ognuno canta quello che vuole. Vista da fuori, la scena è irresistibile: la rassegna che segue è una specie di perversa compilation del canto “popolare” – qualunque cosa significhi – che spazia da oscuri canti svizzeri a repertorio religioso in latino (che abbiano interpretato male l'idea di seminario?), da brani in romanesco a hit da Sanremo vintage, da Gabriella Ferri a “Alfonsina y el mar”... C’è chi canta immobile e estaticamente rapito, chi accenna un passo di danza, chi si butta senza paura e chi tergiversa.

Mare e Miniere esiste ormai da dieci anni. Da qualche anno si è rilanciato, con il supporto della Fondazione di Sardegna (che lo finanzia) e si è imposto come appuntamento centrale dell’estate di quanti seguono i percorsi della world music in Italia: per quanto periferico rispetto al “circuito” più battuto dai tour – siamo pur sempre in Sardegna, e in una zona non proprio centrale per giunta – Mare e Miniere ha saputo prendere il posto e il ruolo che altri festival storici, caduti sotto la scure dei tagli alla cultura, hanno lasciato.

Un post condiviso da Jacopo Tomatis (@jacotomatis) in data: 5 Lug 2017 alle ore 09:37 PDT

La formula non è quella di una vera rassegna, ma di un seminario di una settimana, pensato come una vacanza-studio per professionisti o amatori. Ai corsi si affianca però una programmazione serale di altissimo livello (su cui tornerò in un prossimo intervento), e una serie di eventi in varie località della Sardegna in altri momenti dell’anno.

Il punto di forza è il gruppo di lavoro e il corpo docente: Elena Ledda e Simonetta Soro – appunto – per il canto, Mauro Palmas (anche direttore artistico) per la mandola, Marcello Peghin per la chitarra, Nando Citarella per percussioni e danze popolari, il Duo Bottasso per la musica d’insieme, Alessandro Foresti per il canto corale, Carlo Rizzo per il tamburello.

Da quando finisce l’audizione, il resto della settimana sembra scorrere a un ritmo tutto suo: si prova – al mattino e al pomeriggio –, si studia in privato, ci si incontra nell’ampio cortile e si chiacchiera, si discute, ci si scambia ascolti, maestri e allievi insieme. Il tutto avviene a Sant’Antioco, sull’isola omonima, nel Sulcis: lo staff e i seminaristi occupano per una settimana i bellissimi spazi del MuMa – Museo del Mare e dei Maestri d'ascia, sul lungomare poco fuori dal centro della cittadina.

La popolazione dei seminaristi è piuttosto variopinta. Ci sono pittoresche signore di mezza età in vena di una vacanza alternativa. Professionisti che girano l’Italia a fare concerti. Ragazzi del luogo che poco o nulla sanno dei maestri che hanno scelto, e che arrivano attirati dall’opportunità di riempire le giornate estive (non siamo ancora in alta stagione). Ci sono nerd della musica folk che nelle pause disquisiscono dottamente di terze aumentate e accordature di ghironda, o che si ritirano in un angolo a provare ancora un po’… Prodotti dei conservatori italiani, di università straniere, della scuola del Testaccio, umbri, norvegesi, svizzeri, calabresi…

Un post condiviso da Jacopo Tomatis (@jacotomatis) in data: 5 Lug 2017 alle ore 09:35 PDT

C’è un nucleo storico di cantanti che viene da anni, e che negli anni è cresciuto anche accanto a Mare e Miniere: cantano insieme con il piacere di ritrovarsi, e ogni anno immancabilmente si ritrovano intorno a Elena Ledda, il vero cuore (insieme a Mauro Palmas) dei seminari. Perché tornare edizione dopo edizione? «Perché poi – spiega una delle cantanti più fedeli – con una parola di Elena Ledda ci puoi anche lavorare un anno…».

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Il brano di Daniela Pes vince l'edizione del decennale, e conferma la crescita del Premio

world

Un mese di concerti a Genova, dal blues a Mauricio Kagel
 

world

Il racconto dell'edizione 2017 del Premio Loano