Le donne, capricciose come le nuvole

Il festival di Spoleto ha iniziato un progetto triennale sulla trilogia Mozart-Da Ponte

Recensione
classica
Festival dei due Mondi Spoleto
Wolfgang Amadeus Mozart
29 Giugno 2015
I tre volte premio Oscar Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo riportano Così fan tutte a Napoli: sul fondo il golfo con alcuni vascelli; ai lati due pareti di color rosso pompeiano, che con un niente si trasformano da esterni in interni; in alto grandi nuvole, capricciose come - dice Ferretti - il carattere delle donne. I costumi spostano l'azione in avanti di qualche anno, giusto quel tanto che serve ad eliminare ogni odore di cipria settecentesca. La regia di Giorgio Ferrara attenua i momenti di stile musicale alto (le arie di Fiordiligi) o farsesco (i travestimenti di Despina) e sceglie decisamente il registro intermedio della commedia, imprimendo all'azione un andamento naturale ed equilibrato e sottolineando maliziosamente ma anche elegantemente le arguzie disseminate nel testo di Da Ponte. Uno spettacolo fatto da professionisti d'alto livello, che non sbagliano un colpo e non pretendono di escogitare chissà quale nuova interpretazione di Mozart. Anche James Conlon punta sulla vivacità della commedia - che non consiste necessariamente in tempi veloci - ma coglie benissimo anche il trascolorare dell'armonia in momenti d'emozione o di riflessione. Agli attenti e precisi giovani dell'Orchestra Cherubini chiede più una buona resa d'insieme che sottili sfumature: l'impressione è che le prove siano state poche, anzi si tratta di una certezza, poiché appena una settimana prima di Così fan tutte il direttore americano dirigeva a Roma la prima della Dama di picche. Anche varie piccole imprecisioni sul palcoscenico nei pezzi d'insieme confermavano quest'impressione. Di buon livello la compagnia vocale, divisa in due gruppi: cantanti giovani per le due coppie d'amanti e più esperti per i due cinici manipolatori di sentimenti. I giovani erano i bravi Francesca Dotto, Joel Prieto, Ruxandra Donose e Rodion Pogossov, questi ultimi due già più rodati degli altri e più a loro totale agio sia vocalmente che scenicamente. Maurizio Muraro era un Don Alfonso di grande statura e Marie McLaughlin, nonostante sia decisamente più matura di quel che la parte richiederebbe, è stata una Despina impagabile.

Note: Coproduzione con Fondazione Teatro Coccia di Novara

Interpreti: Francesca Dotto (Fioriligi), Ruxandra Donose (Dorabella), Joel Prieto (Ferrando), Rodion Pogossov (Guglielmo), Marie McLaughlin (Despina), Maurizio Muraro (Don Alfonso)

Regia: Giorgio Ferrara

Scene: Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo

Costumi: Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo

Orchestra: Orchestra Giovanile "Luigi Cherubini"

Direttore: James Conlon

Coro: International Opera Choir

Maestro Coro: Gea Garatti

Luci: Daniele Nannuzzi

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’opera di Zandonai presentata con successo all’Opéra du Rhin in un riuscito allestimento di Nicola Raab

classica

Il Teatro di Heidelberg continua il recupero di lavori dimenticati dell’opera napoletana

classica

Torino: la prima volta di Luisi con l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai