La guerra di Elettra

Lothar Zagrosek dirige “Elettra” di Strauss al Comunale di Bologna.

Recensione
classica
Teatro Comunale di Bologna Bologna
Richard Strauss
15 Novembre 2015
L’”Elektra” del Teatro Comunale di Bologna è trasposta dal regista Guy Joosten dal palazzo miceneo di Agamennone a un’Europa anni quaranta. La tragedia familiare è immersa in una cornice cupa di rigore militare: una guerra è in corso, la dimora è fortificata, le divise nere dei seguaci di Egisto si distinguono dalle verdastre dei vendicatori di Agamennone e una schiera di carceriere tutte al femminile controlla Elettra. La rappresentazione è di grande qualità. La direzione di Lothar Zagrosek alla testa dell’Orchestra del Teatro Comunale è tesa a sottolineare gli slanci espressionistici della partitura e ottiene un suono orchestrale ricco e dal notevole coinvolgimento. Elettra (Elena Nebera) si muove inquieta, l’emissione vocale generosa e convulsa. Indomita, forte, non si destabilizza nemmeno quando per un attimo la voce le si rompe. Più luminosa, Crisotemide (Anna Gabler) si dibatte per fuggire alla propria situazione di oppressione: lo squillare appassionaro della sua perorazione iniziale perché la sorella abbandoni i suoi propositi di vendetta si affievolisce mano mano che si nega alle proprie responsabilità. La figura di Clitennestra (Natascha Petrinsky) colpisce per fluidità ed eleganza. L’uniformità tra gli estremi della voce non sarà perfettamente raggiunta, il registro di petto sarà forse abusato, ma la sua interpretazione è epurata da ogni traccia di isteria e Clitennestra è tratteggiata come una donna piena di dignità, ma indurita dalla vita: il suo atto di vendetta contro il marito era tanto legittimo quanto quello di Elettra contro di lei. Buone anche le apparizioni maschili. Dettagli scenici condiscono di raffinati richiami interni una lettura visiva e musicale che restituisce appieno il clima greve e d’orrore di cui è intrisa la partitura straussiana.

Interpreti: Klytämnestra – Natascha Petrinsky; Elektra – Elena Nebera/Elizabeth Blancke-Biggs; Chrysothemis – Anna Gabler/Sabina von Walther; Aegisth – Jan Vacik; Orest – Thomas Hall; Der Pfleger des Orest/Ein alter Diener – Luca Gallo; Die Vertraute/Zweite Magd – Alena Sautier; Die Schleppträgerin/Vierte Magd – Aleonora Contucci; Ein junger Diener – Carlo Putelli; Die Aufseherin – Paola Francesca Natale; Erste Magd – Constance Heller; Dritte Magd – Daniela Denschlag; Fünfte Magd – Eva Oltivànyi.

Regia: Guy Joosten

Scene: Patrick Kinmonth

Costumi: Patrick Kinmonth

Orchestra: Teatro Comunale di Bologna

Direttore: Lothar Zagrosek

Coro: Teatro Comunale di Bologna

Maestro Coro: Andrea Faidutti

Luci: Manfred Voss

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’opera di Zandonai presentata con successo all’Opéra du Rhin in un riuscito allestimento di Nicola Raab

classica

Il Teatro di Heidelberg continua il recupero di lavori dimenticati dell’opera napoletana

classica

Torino: la prima volta di Luisi con l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai