Il Rossini di Rustioni

A Bari l'esordio della nuova orchestra e del coro del Petruzzelli

Recensione
classica
Teatro Petruzzelli Bari
Gioachino Rossini
14 Novembre 2012
A quasi 40 anni dal debutto scaligero, “L’Italiana in Algeri” firmata da Ponnelle è giunta a Bari a conclusione di una stagione lirica più volte ritoccata dopo il commissariamento della Fondazione Petruzzelli. Questo Rossini in particolare ha sostituito un annunciato “War Requiem” di Britten. Ripresa da Fabio Ceresa, “L’Italiana” di Ponnelle non ha perso una briciola dello splendore del suo creatore, a dimostrazione che i classici si chiamano tali non a caso. Secondo motivo d’interesse forte era il debutto assoluto del coro e dell’orchestra del teatro, a poche settimane dalla fine dei concorsi che hanno scatenato un putiferio politico (e sindacale) più che musicale. Dell’orchestra facevano parte ancora i 13 componenti assunti dall’Ico della Provincia con un contratto triennale che scade il prossimo 31 dicembre; e sono stati proprio loro più degli altri a battersi per la stabilizzazione. Nessuno dei 13 ha però superato il concorso. La stessa orchestra suonerà sabato un programma sinfonico con Beethoven e Schubert, ma non bastano certo poche prove a giudicare un complesso che ha bisogno di tempo per trovare la giusta intesa sonora. Il direttore Daniele Rustioni (molto più giovane dello stesso allestimento) ha lavorato nel dettaglio dal podio; e si sentiva subito, dalla qualità dei pizzicati della sinfonia e dall’equilibrio con le voci. Per Rossini si sa, non servono solo bravi cantanti ma anche presenze sceniche di non poco spessore. Dopo “La Cenerentola” Rai Edgardo Rocha è la voce rossiniana, più nota, ma il livello alto di tutto il cast ha felicemente festeggiato questa ripresa che conclude con sincero ottimismo una stagione lirica partita malissimo.

Note: In replica sino al 20 novembre

Interpreti: Simón Orfila (Mustafà), Lavinia Bini (Elvira), Elena Traversi (Zulma), Enrico Marabelli (Haly), Edgardo Rocha (Lindoro), Chiara Amarù (Isabella), Vincenzo Taormina (Taddeo)

Regia: Jean-Pierre Ponnelle ripresa da Fabio Ceresa

Scene: Jean-Pierre Ponnelle

Costumi: Jean-Pierre Ponnelle

Orchestra: Orchestra della Fondazione Petruzzelli

Direttore: Daniele Rustioni

Coro: Coro della Fondazione Petruzzelli

Maestro Coro: Franco Sebastiani

Luci: Giuseppe Ruggero

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Grande successo alla Staatsoper di Berlino per l’opera verdiana in un nuovo allestimento di Harry Kupfer 

classica

Successo facile per l'opera di Rossini alla Deutsche Oper di Berlino, nonostante una regia discutibile 

classica

Dopo Londra anche alla Komische Oper di Berlino si ripete il successo dell’opera di Šostakovič nell’allestimento di Barrie Kosky