Il Phantom è tornato, senza mistero

"Love Never Dies" di Lloyd Webber è spettacolare, ma spento

LOVE NEVER DIES (foto RUG 2010 | Catherine Ashmore)
LOVE NEVER DIES (foto RUG 2010 | Catherine Ashmore)
Recensione
classica
The Really Useful Group Ltd. at Adelphi Theatre, London
09 Marzo 2010
Inizi ‘900: a Coney Island un misterioso impresario gestisce "Phantasma", spettacolo di teatro, circo e fantasmagoria. Presto scopriamo che si tratta dello sfigurato compositore sfuggito ad una folla inferocita nei sotteranei di Parigi dieci anni prima. "Phantom of the Opera" è uno dei musical di maggior successo della storia, con introiti mondiali di oltre 5 miliardi di dollari, ed è comprensibile che Andrew Lloyd Webber abbia deciso di scriverne il seguito. Ma mentre l’originale era basato sul popolare romanzo di Leroux, "Love Never Dies" è stato costruito sulla base dei personaggi originali e delle esigenze del mercato secondo le convenzioni che l’autore stesso ha contribuito a creare. Pur sostenendo si tratti di un lavoro indipendente, gli autori danno per scontato che il pubblico sia a conoscenza dell’originale, e allo stesso tempo stravolgono i personaggi per creare una storia che alla fine manca di credibilità e deve ricorrere al sentimentalismo per ovviare alla carenza di tensione drammatica. L’elemento spettacolare è preponderante, con numeri circensi, proiezioni ed effetti speciali, che tuttavia sembrano avere, come i numeri d’insieme, più una funzione di riempitivo che una vera ragione drammatica. La partitura soffre di un ecclettismo incoerente, in cui l’autore fa il verso a se stesso e tende a cadere nel formulaico e nel manierismo, giustificando quanti sostengono che il musical sia un genere minore di teatro musicale, il che non è necessariamente il caso. Il "Phantom" è stato l’ultimo vero successo di Lloyd Webber, che sembra aver perso interesse per l’originalità e la scoperta, ma che ha una grande abilità nell’incontrare i gusti del publico. E a giudicare dall’ovazione finale, questo fantasma continuerà ad infestare i teatri di tutto il mondo per anni a venire.

Interpreti: Ramin Karimloo The Phantom Sierra Boggess Christine Daaé Joseph Millson Raoul Summer Strallen Meg Giry

Regia: Jack O?Brien

Scene: Bob Crowley

Coreografo: Jerry Mitchell

Direttore: David Charles Abell

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’opera di Zandonai presentata con successo all’Opéra du Rhin in un riuscito allestimento di Nicola Raab

classica

Il Teatro di Heidelberg continua il recupero di lavori dimenticati dell’opera napoletana

classica

Torino: la prima volta di Luisi con l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai