Il pazzo, pazzo mondo del barone Medusa

Flimm gioca con Satie nella Werkstatt berlinese

Recensione
oltre
Staatsoper Berlin Berlino
19 Novembre 2014
"Le piège de Méduse" (1913) è una gustosa comédie lyrique surrealista di Satie, su cui ha messo le mani Jürgen Flimm, inframmezzandola con altre musiche (ad es. "Sylvie", 1886) e testi dello stesso Satie, in traduzione tedesca. L'opera che vede in scena il barone col suo cameriere e, ambedue en travestì, Frisette e il futuro sposo Adolfo, oltre a qualche scimmia, è qui aperta dalle "Vexations" ripetute tenacemente nel corso della serata (ma non le 840 volte previste). Il surrealismo regge alla prova del tempo? Sì, perché il lavoro fatto è di grande intelligenza, gli attori son di prim'ordine e insieme funzionano bene. Una serie di percussioni, il pianoforte, un piano giocattolo e uno scacciapensieri sostituiscono l'orchestra. Gli inserti musicali e le gag spassose danno quel certo ritmo che all'originale sembra mancare. A un primo sguardo sembrano 9 piccole scene non-sense imbastite fra di loro, ma, nel tipico stile di Satie, la presa in giro è "seria": come nella vera comédie lyrique ci sono le danze (ma delle scimmie), i soli ("Je te veux"), e una "trama": Frisette, figlia del barone Medusa, vorrebbe sposarsi. Il cuore son le interpolate "Mémoires d'un amnésique" che danno il titolo al Phantasiestück (sa come si fa a pulire i suoni?), capolavoro d'ironia, magistralmente recitate da Jan Josef Liefers. Il pubblico è a bordo scena, provocato in ogni modo dai quattro pazzi protagonisti. Pur stuzzicati dalla fumisteria, due sono le vere fratture: alla faccia dei presenti a metà spettacolo gli attori si prendono una bella pausa. Poi si ricomincia. Dopo uno spadellare che dura per tutta la serata, finiti gli applausi, i protagonisti restano in scena a farsi i fatti propri: non sono gli attori-cantanti a congedarsi dal pubblico, ma viceversa. La ricetta dell'omelette è acclusa.

Note: I biglietti per le prossime recite sono esauriti

Interpreti: Klaus Schreiber, Stefan Kurt, Jan Josef Liefers Regia: Jürgen Flimm Drammaturgia: Katharina Winkler Costumi: Birgit Wentsch

Direttore: Harry Lyth

Luci: Sebastian Alphons

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

Al Barbican Centre Caretaker, Soft Power di Felicita e NIVHEK (alias Liz Harris) per una serata nel segno della unsound dislocation

oltre

La prima di Atlas 101 del compositore veneziano al Teatro Comunale di Treviso, una spy story onirica fra jazz-rock e contemporanea

oltre

Debutto italiano per il capolavoro di Mozart in versione multietnica