Il carnevale di Capossela

Nel nuovo show del cantautore la celebre suite di Saint-Saëns e canzoni "bestiali"

Recensione
pop
Ponderosa Verona
21 Giugno 2014
In questi giorni Capossela torna all’attività live con ben due spettacoli: il primo, già collaudato la scorsa estate, dedicato ad un repertorio folk e di canto sociale e d’autore (Vinicio Capossela e la Banda della Posta); il secondo invece, del tutto inedito, è dedicato alla celebre suite de [i]Il carnevale degli animali[/i] di Saint- Saëns, inframmezzata da letture e canzoni a tema dello stesso cantautore. Lo spettacolo che va in scena il 21 giugno al Teatro Romano di Verona è ricco e ben allestito: sul palco, oltre al solito manipolo di fedelissimi (Vincenzo Vasi, Zeno de Rossi, Alessandro “Asso” Stefana), si vedono schierati il Trio Amadei (violino, violoncello, pianoforte) e i Solisti della Vianiner Philharmoniker, che eseguono le parti dedicate al compositore francese in modo divertente e brillante. Ciò che cattura maggiormente, però, è la reinterpretazione dell’opera secondo Capossela: a parte costringere tutti i musicisti a indossare sul palco una maschera animale (qualche orchestrale ad un certo punto cede e la appende al leggio), Vinicio abbina al bestiario animale di Saint-Saëns, già di per sé ricco di simbolismi, alcune tipologie umane specifiche tratte dal suo repertorio. Ecco allora che alla Marcia reale del leone segue l’opulenta "Marajà", mentre a Galli e galline si unisce il ‘grande tacchino’ di "Tanco del murazzo". La bellezza dei nuovi arrangiamenti per orchestra da camera rivela la qualità musicale altissima di alcuni pezzi, che rimangono tra i migliori dell’intero canzoniere caposseliano ("I pianoforti di Lubecca", ma anche "Con una rosa" e "Bardamù", eseguite come bis). Oltre a "Pryntyl", "Goliath" e "Polpo d’amore", Vinicio canta anche canzoni meno conosciute provenienti da colonne sonore ("Zarafa" e "La cicogna") e qualche inedito ("La lumaca", "Uro").

Interpreti: Vinicio Capossela; Trio Amedei; Solisti della Vianiner Philharmoniker; Vincenzo Vasi; Zeno de Rossi; Alessandro Asso Stefana.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Sold out al Teatro della Concordia di Venaria Reale per il duo Carl Brave X Franco126, fenomeno musicale italiano dell'anno scorso

pop

Tutto esaurito al Regio di Parma per Michael Kiwanuka, ospitato dal Barezzi Festival

pop

Il racconto della prima data del tour italiano di Nick Cave & the Bad Seeds: un momento di performance art