I conflitti di Nabucco

A Cremona con la regia di Andrea Cigni

Recensione
classica
Teatro Ponchielli Cremona
Giuseppe Verdi
16 Novembre 2014
Il conflitto interiore. Tra un dover essere e un voler essere. Non il re, la regina, il guerriero, il sacerdote ma il padre, la figlia illegittima, l’amante, il saggio. Andrea Cigni, regista toscano ma cremonese d’adozione, preferisce vedere così i personaggi del suo Nabucco, nuovo allestimento per la Lirica 2014 del Teatro Ponchielli di Cremona. Sempre più a suo agio nel teatro d’opera verdiano Cigni è regista maturo in grado di leggere in profondità la psicologia dei personaggi verdiani. L’ambientazione è storica. La scenografia, essenziale e minimalista, è libera da arredi o elementi simbolici ingombranti. Solo un cavallo per Nabucco, che si trasformerà in un dio da venerare. Fuoco e fulmini sono effetti speciali riuscitissimi che stupiscono il pubblico e divertono come è giusto che sia. Personaggi e Coro del Circuito Lirico Lombardo (preparato con cura esperta da Antonio Greco merita applausi e bis nel Va’ pensiero) si muovono in uno spazio fisso, tra le pareti di un palazzo-tempio, stanza della memoria in cui i protagonisti vivono il loro dramma. Umano, personale. La follia di Nabucco, Paolo Gavanelli, domina la scena nella seconda parte. È la follia di un re-uomo smarrito nella sconosciuta dimensione di comune mortale. Abigaille (Tiziana Caruso) voce potente e drammatica, incarna efficacemente il ruolo di donna furiosa col mondo e consumata dal suo dramma. Insomma: applausi meritati per tutto il cast. Enrico Iori (Zaccaria), Raffaella Lupinacci (Fenena) Gabriele Mangione (Ismaele)… Marcello Mottadelli dirige l’orchestra I Pomeriggi Musicali con una cura quasi “maniacale” dei particolari. E tutto a memoria! Sentiamo la cura in un passaggio del violoncello, in una volatina del flauto o nel Va’ pensiero, pensato come un lungo respiro dalla prima all’ultima nota.

Note: Nabucco, dramma lirico in quattro parti Libretto di Temistocle Solera; Musica di Giuseppe Verdi Cremona, Fondazione Teatro “Amilcare Ponchielli” 16 novembre 2014 ore 15.30 Nuovo allestimento Credits: Eleni Albarosa (Nabucco e Abigaille); Alessia Santambrogio (Nabucco a cavallo)

Interpreti: Personaggi e interpreti: Nabucco Paolo Gavanelli; Abigaille Tiziana Caruso; Zaccaria Enrico Iori; Ismaele Gabriele Mangione; Fenena Raffaella Lupinacci; Il Gran Sacerdote di Belo Antonio Barbagallo; Abdallo Giuseppe Distefano; Anna Sharon Zhai.

Regia: Andrea Cigni

Scene: Emanuele Sinisi

Costumi: Simona Morresi

Orchestra: Orchestra I Pomeriggi Musicali

Direttore: Marcello Mottadelli

Coro: Coro del Circuito Lirico Lombardo

Maestro Coro: Antonio Greco

Luci: Fiammetta Baldiserri

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Liegi: la Favorite in versione francese all'Opéra de Wallonie (ma cantano gli italiani)

classica

Roma: Herlitzka voce recitante e regista per un melologo da Lucrezio

classica

Brilla Enea Scala come Henri, nella versione francese dell'opera di Donizetti completata da Giorgio Battistelli