I colori del flauto magico

Mozart in scena a Padova

Recensione
classica
Teatro Verdi Padova
Wolfgang Amadeus Mozart
28 Ottobre 2016
Con un nuovo allestimento, in coproduzione con il Teatro Sociale di Rovigo e Bassano Operafestival, prosegue la stagione lirica a Padova con Il flauto magico di Mozart. Del mondo incantato tracciato in un ipotetico Antico Egitto, Giulio Magnetto contrappone su due livelli scenici il rilucente regno di Sarastro, delimitato dalle porte dei tre templi ai quali ben presto Tamino si rivolge nel tentativo di salvare Pamina, a grigie ambientazioni suburbane per l’oscurità della Regina della notte. Al loro interno, la presenza di Papageno e delle tre dame risaltano per i colori accesi dei costumi, poco affini al tipo di ambientazione che risulta irrigidita dall’impianto registico elaborato da Federico Bertolani, spesso di un minimalismo al limite della cristalizzazione scenica. Tutti elementi che scorrono in secondo piano all’entrata di alcune delle voci del ricco cast internazionale. Non teme di certo i passaggi più impervi, nel ruolo della Regina della notte, il soprano greco Christina Poulitsi che si impone con spontaneità per precisione e potenza scenica al fianco di Ekaterina Sadovnikova, ancora una volta a Padova dopo l’apertura di stagione con I Capuleti e i Montecchi per imprimere con eleganti e intensi filati i sentimenti di Pamina. A capo dell’Orchestra di Padova e del Veneto, il direttore Giuliano Betta riesce a coinvolgere l’intero cast dimostrando attenzione alla scrittura e competenza.

Interpreti: Sarastro - Wihelm Schwinghammer, Pamina - Ekaterina Sadovnikova, Tamino - Fabrizio Paesano, Regina della notte - Christina Poulitsi, Papageno -  John Chest

Regia: Federico Bertolani

Scene: Giulio Magnetto

Costumi: Manuel Pedretti

Orchestra: Orchestra di Padova e del Veneto

Direttore: Giuliano Betta

Coro: Coro Lirico Veneto

Maestro Coro: Sergio Balestracci

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Liegi: Favorite all'Opéra de Wallonie

classica

Roma: Herlitzka voce recitante e regista per un melologo da Lucrezio

classica

Brilla Enea Scala come Henri, nella versione francese dell'opera di Donizetti completata da Giorgio Battistelli