Dub alpino italiano

Apre ChamoisIc 2015 con il progetto Interiors di Valerio Corzani e Erica Scherl

Foto Antonio Baiano
Foto Antonio Baiano
Recensione
oltre
Chamoisic Chamois
07 Agosto 2015
Ad aprire la prima delle tre giornate della sesta edizione di ChamoiSic nella splendida cornice del sopraelevato e incantato comune valdostano di Chamois, ci ha pensato un trio del tutto “bizzarro”, capitanato da quel cultore di suoni e musiche che è Valerio Corzani, storica mente della programmazione musicale di RadioTre (e non solo). Un trio nato da un duo, gli Interiors, composto da Corzani stesso (alle note basse e alla ricerca sonora) e dalla violinista (elettrica in questo caso) e compagna Erica Scherl, ai quali si è aggiunta per l'occasione la splendida rotonda voce (popolare, colta, futuristica) di Serena Fortebraccio, già componente del valoroso gruppo vocale pugliese Faraualla. Un trio o un duo interprete di una sorta di minimale musica elettronica da camera (in questo senso grazie soprattutto alla Scherl e alla sua formazione accademica e antica), capace di far convivere alcune reminescenze analogiche del kraut rock più nobile (quello dei Popol Vuh per esempio) con le nuove “diavolerie” digitali “imbracciate” da Corzani, magari semplicemente all'i-Phone. Un'elettronica d'ambiente, la loro, anche fortemente ancorata a una grana sonora più profonda, ancestrale, africana, caraibica, evocata dal basso a tinozza di Corzani e dalle sue ostinate ritmiche dub al basso e alle live elettronics, tracciate alla maniera di un Bill Laswell, ma anche da certe concordanze armoniche o collazioni timbriche (il violino della Scherl interfacciato ai suoi loop ed effetti) di matrice più lontanamente barocca. Una sorta di retro dub d'avanguardia, insomma, o un'elettronica di sintesi, preceduta sul palco (invece) da una specie di mini trionfo (nel primo concerto di giornata) dell'acusticità in campo afroamericano: l'esibizione dell'orchestra giovanile aostana Sfom Jazz Orchestra, guidata e diretta dal valente sassofonista e arrangiatore Manuel Pramotton. Oltre venti elementi ottimamente amalgamati, con molti clarinetti e flauti, che a Don Redman non sarebbero dispiaciuti, per un divertente excursus nel mare magnum del repertorio per big band (da “Moanin'” a “My Funny Valentine”, passando per “Caravan”). Niente male come inizio.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

La prima di Atlas 101 del compositore veneziano al Teatro Comunale di Treviso, una spy story onirica fra jazz-rock e contemporanea

oltre

Debutto italiano per il capolavoro di Mozart in versione multietnica

oltre

Kamasi Washington vs. Arca a Club to Club 2017, alla ricerca della musica del futuro