Bollani, piano e gag

Il trio danese del pianista al Dal Verme di Milano per l'anniversario di Ecm e Ducale

foto Robert Lewis/Ecm Records
foto Robert Lewis/Ecm Records
Recensione
jazz
Ducale Music Milano
09 Novembre 2009
In una serata destinata, oltre che a presentare "Stone in the Water", il nuovo album di Stefano Bollani pubblicato dalla Ecm, a solennizzare i quarant'anni della prestigiosa etichetta di Monaco di Baviera e i cinquanta della Ducale, l'immancabile cabaret con cui il pianista è abituato a condire le proprie esibizioni poteva apparire ad un primo sguardo leggermente inappropriato. Senonché a ben vedere contribuiva a rappresentare efficacemente una delle chiavi del successo della casa del produttore Manfred Eicher: la capacità di consolidare una identità di invidiabile robustezza pur allargando la scala delle proprie fortune attraverso la progressiva integrazione nel proprio catalogo, nel proprio marchio, nella propria estetica, di personalità e inclinazioni espressive sulla carta non così vicine allo spirito Ecm. Ma certo nel Danish Trio di Bollani gli elementi che giustificano l'inserimento nella scuderia di Eicher non mancano: un pianismo che fra i suoi pregi ha - se non la profondità - quello di smarcarsi con una cifra personale (fatta per esempio di un procedere minuto che civetta coll'understatement) dall'ordinarietà mainstream del piano jazz di troppi odierni epigoni; e due partner come gli scandinavi che mentre si prestano a stare al gioco delle gag del leader, con la finezza del loro accompagnamento fanno egregiamente la loro parte nell'assicurare le soddisfazioni che si richiedono ad un piano trio che si rispetti. In scaletta brani dal nuovo album, fra cui "Dom de iludir" di Caetano Veloso e "Improvisation 13" di Poulenc, ma, nel finale, anche il battistiano "Mi ritorni in mente" già inciso con lo stesso trio. In due brani e nel bis alla festa si è aggiunto anche Enrico Rava. Dal Verme al completo, e pubblico conquistato in partenza, pendente dalle labbra non meno che dalle dita di Bollani.

Interpreti: Stefano Bollani, pianoforte, Jesper Bodilsen, contrabbasso Morten Lund, batteria

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Music for Strings di Bill Frisell al Teatro dell'Arte della Triennale per JAZZMI

jazz

Il concerto all’Unipol Auditorium aperto da un “saluto” di Barry Harris

jazz

Un pubblico da tutto esaurito per il debutto della XXII edizione di ParmaJazz Frontiere