Bergamo Jazz 3 | Da Chicago alla Francia

Ultimo giorno per il festival, con il quartetto di Russ Johnson e Ken Vandermark, e il duo Portal-Peirani

Recensione
jazz
Ultimo giorno di festival a Bergamo. Ancora pioggia, ancora vento. E temperature in picchiata. In fila in piazza della Libertà, dopo aver schivato frotte di turisti occasionali spinti fuori casa dalle giornate del Fai, c'è di che stringersi nel cappotto e battere i denti. Per fortuna il cartellone offre un tonico corroborante: direttamente da Chicago, Illinois, il quartetto di Russ Johnson (che in realtà è newyorchese) e Ken Vandermark, completato da Fred Lonberg-Holm al violoncello e Tim Daisy alla batteria. L'attacco, a dire il vero, non scalda subito le ossa. Vandermark, da sempre fanatico cultore del Jimmy Giuffre di Free Fall, si lancia in un solo di clarinetto che buca i timpani a forza di sovracuti. Mentre un paio di signore si tappano le orecchie sghignazzando, nasce il sospetto che i quattro la butteranno sul camerismo allucinato. Grazie a Dio è una falsa partenza: al secondo brano l'esibizione decolla. Una fantastica accelerazione alla maniera di Chicago fa sobbalzare sulle poltrone anche i più appesantiti dal pranzo domenicale. È arrivato il momento di fare sul serio. Johnson dimostra di avere fiato e numeri con un paio di sortite incendiarie (siamo dalle parti di Herb Robertson e Paul Smoker); Vandermark raccatta il tenore e, alla quarta composizione in scaletta, butta lì un solo leggendario. Con furore ayleriano e lucidità rollinsiana, cavalca i riff del violoncello distorto di Lonberg-Holm e il martellante quattro quarti scandito da Daisy. Impressionante, al di là del suono e della lucidità, l'implacabile senso delle strutture, il controllo assoluto dello sviluppo. Urla, ovazioni, applausi strameritati. Il ghiaccio è rotto. Pubblico in visibilio, temperatura alle stelle. Il quartetto fila dritto come un accelerato e non deraglia nemmeno quando l'atmosfera si fa più rarefatta e i brani (soprattutto i due a firma Lonberg-Holm, musicista che ha dentro gli spazi immensi del Midwest) svoltano verso il narrativo. Dopo Nate Wooley avevamo sbrigativamente assegnato l'oscar per il miglior concerto. Tocca rivedere i giudizi e optare per un ex aequo.

Immagine rimossa.
Russ Johnson e Ken Vandermark (foto Gianfranco Rota)

Chiusura di rito al Donizetti, pieno all'inverosimile per la doppietta finale. Si comincia con il vecchio e il bambino, Michel Portal e Vincent Peirani: il primo glorioso veterano del jazz europeo, il secondo astro nascente della fisarmonica d'oltralpe. Il set è fascinoso fin dall'esordio, un tappetto cangiante di accordi disteso da Peirani sul quale Portal ricama volute e spirali con il clarinetto basso. Emozionante, non c'è che dire. Forse un tantino prevedibile nell'accostarsi a certa musica popolare da vineria di provincia (dribblando comunque i triti e fastidiosi cliché argentino-parigini), ma l'eleganza non si discute. Merito del venerato maestro, che al clarinetto ha pochi eguali in quanto a suono e controllo del respiro. E merito del giovane Peirani, molto meno stucchevole e molto più versatile del recente Galliano (che di Portal è stato spalla fissa per un bel pezzo). Chiusura affidata a “Dancers in Love” di Duke Ellington, riletta con genuina ironia. Il Donizetti gradisce e anche il Duca, probabilmente, avrebbe gradito. Sacrosanta la doppia razione di applausi.

Immagine rimossa.
Portal e Peirani (foto Gianfranco Rota)

Applausi riservati anche alla band di Trilok Gurtu. Ma qui, francamente, si varcano le soglie dell'incomprensibile. Da anni il batterista-percussionista di origini indiane propina ai pubblici di mezzo mondo la sua indigesta e grossolana mescolanza di fusion, aromi new-age e spezie simil-etniche. Il fatto che ci sia ancora gente che si spella le mani e sgrana gli occhi, è uno dei più grandi misteri (non buffi) del jazz. Il festival, quello vero, è passato altrove. E anche quest'anno ha lasciato il segno.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Music for Strings di Bill Frisell al Teatro dell'Arte della Triennale per JAZZMI

jazz

Il concerto all’Unipol Auditorium aperto da un “saluto” di Barry Harris

jazz

Un pubblico da tutto esaurito per il debutto della XXII edizione di ParmaJazz Frontiere