Arto Lindsay, questione di ritmo

Il nuovo Album Cuidado Madame presentato dal vivo alla Triennale di Milano

Recensione
oltre
Triennale Milano
19 Luglio 2017

In fondo la musica di Arto Lindsay è sempre stata una questione di ritmo. Fin dai tempi dei DNA e dell'impossibile convivenza tra i singulti anarchici di voce e chitarra e il martellare feroce della batteria di Ikue Mori. Questione di ritmo i Golden Palominos di “Clean Plate”, questione di ritmo gli Ambitious Lovers di “Copy Me”, questione di ritmo il definitivo ritorno al Brasile di lavori come O corpo sutil, Mundo civilizado e, quarant'anni dopo la New York di Basquiat e della No Wave, Cuidado Madame. Disco atteso la bellezza di tredici anni (ne abbiamo parlato QUI), pubblicato e finalmente presentato dal vivo in un tour che ha fatto tappa anche a Milano, nel giardino della Triennale. Per un live semplicemente pazzesco, di quelli che si raccontano il giorno dopo a chi non c'era con i brividi che ancora corrono lungo la schiena. Merito del folletto Arto, della sua meravigliosa leggerezza, di quel modo elegante e introverso di accarezzare le parole; e merito di una band che è andata dritta al cuore delle canzoni di Lindsay, facendole pulsare e vibrare con calore e precisione, esaltando ed espandendo le complesse tessiture ispirate alle musiche afrobrasiliane e alle cerimonie estatiche del candomblé. Paul Wilson alle tastiere, Kassa Overall alla batteria (superlativo nell'obliquità del drumming e nella gestione delle dinamiche), Marivaldo Paim alle percussioni, il fidato Melvin Gibbs al basso elettrico: un piccolo esercito, una spietata squadra d'assalto. Implacabile nell'accanirsi sulle ormai classiche “illuminated”, “Combustivel” e “Simply Are”, sulle ultime arrivate “Each to Each”, “Seu Pai” e “Grain by Grain”, e sulla mitica “Beija-Me” (Elza la regina avrebbe sicuramente gradito). Un'ora e mezza sparata, filata e sostanziosa. Questione di ritmo. Questione di Arto.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

La prima di Atlas 101 del compositore veneziano al Teatro Comunale di Treviso, una spy story onirica fra jazz-rock e contemporanea

oltre

Debutto italiano per il capolavoro di Mozart in versione multietnica

oltre

Kamasi Washington vs. Arca a Club to Club 2017, alla ricerca della musica del futuro