Almanacco di Dente

Il cantautore incanta i presenti al Teatro La Fenice di Senigallia con il nuovo album

Recensione
pop
Pulp Concerti Senigallia
29 Marzo 2014
È partito a fine marzo da Firenze il tour di Dente per presentare nei teatri [i]Almanacco del giorno prima[/i], l’album uscito a gennaio per RCA/Sony Music, il primo sotto una major, realizzato in una scuola elementare del parmense con l'ausilio di Tommaso Colliva, Rodrigo D'Erasmo (Afterhours) ed Enrico Gabrielli (Calibro 35). Ispiratosi da sempre a Lucio Battisti e a Francesco De Gregori, la definizione di cantautore a Giuseppe Peveri non dispiace totalmente. In fondo anche lui racconta, senza rinunciare a giochi di parole e a toni ironici o naïf, storie d’amore intrise di madeleine, tra ricordi, rimorsi e nostalgie di cose passate, il tutto destrutturando le citazioni che gli capitano a tiro, siano esse "pop" o ungarettiane poco importa. Nel live l’artista presenta arrangiamenti più curati rispetto alle prove precedenti, dove anche i momenti tratti dal repertorio del passato sono proposti con le sonorità dell’ultimo lavoro, ma senza stravolgere l’identità delle vecchie canzoni (che spesso durano quanto un haiku). Merito dei musicisti Gianluca Gambini “Gambo” (percussioni), Andrea Cipelli “Sig.Solo” (pianoforte, organo, tastiere), Nicola Faimali (basso, contrabbasso) – a cui si aggiunge la collaborazione con F punto (tastiere, chitarra) – che nel nuovo disco arricchiscono le partiture di glockenspiel, organi Farfisa, vibrafoni, clavicembali alla Donovan, flauti e archi, riproponendone fedelmente le atmosfere, anche dal vivo, in perfetto stile vintage. Non sono assenti momenti intimisti con Dente solo alla "chitarrina" (o al piano) e altri di puro spettacolo su un palco arredato come una stanza e assediato dai fan, su invito del musicista, per le battute finali. Un concerto per cuori innamorati o infranti. Non ci sono mezze misure.

Interpreti: Dente (chitarra, piano, voce), Gianluca Gambini “Gambo” (batteria, percussioni), Andrea Cipelli “Sig.Solo” (pianoforte, organo, tastiere), Nicola Faimali (basso, contrabbasso), F punto (tastiere, chitarra).

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Tutto esaurito al Regio di Parma per Michael Kiwanuka, ospitato dal Barezzi Festival

pop

Il racconto della prima data del tour italiano di Nick Cave & the Bad Seeds: un momento di performance art

pop

Sul palco di Club to Club si è palesato (si fa per dire) Liberato, il misterioso progetto multimediale fra le sorprese di questo 2017