Acoustic Night 17, ritorno ai padri

Beppe Gambetta e tre altri maestri per un tributo alle origini del Bluegrass (e a Gianmaria Testa)

Foto Michel Schlueter.
Foto Michel Schlueter.
Recensione
world
Acoustic Nights Genova
11 Maggio 2017

Scaramanticamente, a volte è bene combattere la numerologia negativa tornando ai padri. Beppe Gambetta, eccellente compositore, chitarrista e virtuoso dello stile flatpicking per l'edizione numero 17 della sua Acoustic Night ( le sere in teatro poi sono in realtà quattro e consecutive: un piccolo record) ha scelto di mettersi attorno sul palco maestri consolidati del genere, un paio dei quali ben noti anche agli specialisti italiani: David Grier, che fu accanto a Beppe nel lontano 1989 di Dialogs,primo disco di Gambetta negli Usa, e Bryan Sutton, la chitarra numero uno al mondo del flatpicking, che lo stesso palco genovese calcò nell'edizione 2011. In più c'era quel folletto imprevedibile di Pat Flynn, uno degli "eretici" acustici del glorioso gruppo New Grass Revival, uno di quei musicisti che hanno spostato più in alto l'asticella della creatività bluegrass. Dunque tributi senza filologia sterile a Doc Watson, a Clarence White, a Bill Monroe, a Norman Blake, con leggerezza sapiente e virtuosismo. E spazio anche, oltre ai necessari momenti dedicati ai singoli musicisti ospiti, a un paio di nuove composizioni di Gambetta che fanno ben sperare, per il prossimo album: "Benedicta 1944", dal passo drammatico e intensamente narrativo, dedicata un luogo ligure dove furono trucidati molti partigiani, e l'ironica "Super Hit", un esercizio di stile e di danza sfrenata sulle corde acustiche con qualche richiamo quasi "rock". In chiusura un momento toccante, quando Gambetta ha ricordato l'immensa figura poetica dello sfortunato Gianmaria Testa: per lui la grazia malinconica e dolcissima di "Biancaluna", la ninnananna che compariva sul disco Lampo, eseguita dai quattro signori delle corde a ciglio asciutto, ma con evidente commozione.

Interpreti: Beppe Gambetta, Pat Flynn, Bryan Sutton, David Grier

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Il brano di Daniela Pes vince l'edizione del decennale, e conferma la crescita del Premio

world

Un mese di concerti a Genova, dal blues a Mauricio Kagel
 

world

Il racconto dell'edizione 2017 del Premio Loano