Una casa per Bizet

Campagna di fundraising del CEM per acquistare la casa del compositore a Bougival 
 

News
classica
Maison Bizet CEM

Sotto il patronato di Europa Nostra, l’associazione presieduta da Plácido Domingo, l’European Centre of Music (CEM) lancia una campagna di fundraising finalizzata all’acquisto della casa del compositore Georges Bizet a Bougival, cittadina alle porte di Parigi dove il compositore trascorse gli ultimi anni della sua vita e si spense il 3 giugno 1875 a nemmeno 37 anni.

Località immersa nel verde e molto amata dai pittori impressionisti, oltre a quella di Bizet, Bougival ospita anche le dimore in cui vissero la cantante Pauline Viardot, lo scrittore russo Ivan Turgenev e la pittrice impressionista Berthe Morisot. All’iniziativa lanciata dal CEM aderisce anche l’Associazione Amici di Georges Bizet, organizzazione fondata nel 2000 e presieduta da Teresa Berganza con l’obiettivo di promuovere il recupero della produzione meno nota del compositore francese. Particolarmente interessato il sindaco di Bougival, Luc Wattelle, che ha dato il suo sostegno all’iniziativa.

Secondo il progetto concepito da Jorge Chaminé, fondatore del CEM, I fondi raccolti saranno impiegati per l’acquisto e il restauro della casa, che accoglierà lo Spazio Carmen destinato a essere integrato nel futuro centro culturale, scientifico e turistico della cittadina dell’Île-de-France. A parte la conservazione della memoria di luoghi significativi per la cultura europea, obiettivo del CEM è anche quello di costruire un auditorium multifunzionale e di offrire opportunità per concerti, master class e conferenze a giovani musicisti. Per contribuire alla campagna occorre collegarsi alla piattaforma dedicata. I donatori avranno i nomi incisi in una delle pareti della casa oltre a essere principali destinatari di offerte e iniziative a sorpresa. 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

La scomparsa del baritono: aveva 55 anni

classica

Napoli: Fanciulla del West diretta da Valčuha

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi