Udin&Jazz dice no alla giunta neofascista

L'associazione Euritmica annuncia che non collaborerà con una giunta legata a gruppi fascisti, e annuncia l'ultima edizione di Udine&Jazz

News
jazz
Udine Jazz

Udine&Jazz, rassegna organizzata dalla associazione Euritmica e che tocca quest'anno la sua edizione numero 28, ha annunciato che non intende continuare per i prossimi anni. La causa della inattesa decisione – nelle parole del direttore artistico Giancarlo Velliscig, rilanciate da numerosi periodici e giornali locali – è il legame della giunta comunale di Udine con gruppi neofascisti.

«Non è nostra intenzione collaborare con questa amministrazione che, nelle parole del nuovo sindaco, si è resa orgogliosamente responsabile di portare i fascisti alla giunta della città stringendo alleanze con i fascisti e chiedendone il voto», ha dichiarato Velliscig a Udine Today

«ll problema – ha specificato Velliscig – non non sono i rapporti con le amministrazioni di centro-destra, né a Trieste né a Udine, ma con chi porta i fascisti nelle istituzioni».

Una decisione che sta facendo molto discutere in queste ore. Il Festival si terrà dal 27 giugno al 24 luglio. Tra i concerti, il trio Dave Holland / Zakir Hussain / Chris Potter, i Quintorigo, Tony Allen, il Norma Winstone Quartet, Avishai Cohen.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

Dal 1° luglio al 5 agosto, la prima volta con la partecipazione della Fondazione Musica per Roma

jazz

Il clou del festival in Franciacorta è il duo Peter Brötzmann - Hamid Drake, e il solo del sassofonista

jazz

Il pianista americano avrebbe dovuto ritirare il Leone d'Oro alla Carriera il prossimo 29 settembre