Stravinskij a Milano

Esa-Pekka Salonen dirige il Sacre con la Filarmonica della Scala

News
classica
A Milano, per un mese, si respirerà aria di Primavera sulle note dell''omonimo Sacre: questa sera il magnum opus di Stravinskij sarà in programma nel concerto della Filarmonica, al Teatro alla Scala (ore 20), e anche in quello che, grazie allo sforzo congiunto dell'amministrazione comunale e di altrettanto illuminate aziende private (Allianz, Luxottica e UniCredit), l'orchestra scaligera, sempre diretta da Esa-Pekka Salonen, offrirà gratuitamente alla città il 26 maggio, in piazza Duomo (ore 21), e che replicherà certamente il grande successo di pubblico del 1° giugno scorso, quando oltre cinquantamila persone si sono strette intorno al palco della Filarmonica e della 'strana coppia' Riccardo Chailly - Stefano Bollani. Nelle due date saranno rispettivamente ospiti della Filarmonica due solisti d'eccezione: la violinista Leila Josefowicz, interprete di Out of Nowhere (2009) di Salonen, e Lang Lang, pianista di provato impatto mediatico che si vedrà impegnato in piazza Duomo nell'esecuzione del Secondo Concerto per pianoforte e orchestra di Rachmaninov. Continua, così, l'impegno della Filarmonica, non solo nel promuovere a un più vasto pubblico i capisaldi del grande repertorio sinfonico, ma anche di formare, attraverso essi, il pubblico di domani: prosegue, infatti, Sound, Music!, il progetto della Filarmonica, sostenuto da UniCredit, di educazione musicale rivolto ai bambini delle scuole primarie milanesi, i cui laboratori didattici, curati dal regista Francesco Micheli e che si svolgeranno il 15 e 17 maggio alla "Fabbrica del Vapore", saranno incentrati proprio sul Sacre du printemps. A partire da venerdì 23 maggio, chi vorrà godere 'comodamente' della grande festa musicale in piazza Duomo potrà riservarsi un posto a sedere presso l'Urban Center di Milano in Galleria Vittorio Emanuele.
Alessandro Turba

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il festival dal 19 settembre al 25 novembre

classica

Il 5 maggio concerto benefico al Conservatorio Verdi

classica

Il sovrintendente del Teatro Regio si è dimesso per motivi personali