Spoleto contemporanea

Dal 9 inizia la stagione dello Sperimentale

News
classica
Dopo un preambolo ad agosto, sta per entrare nel vivo la settantesima stagione del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto. Il 9 settembre va in scena "Ehi Giò", la nuova opera di Vittorio Montalti (nella foto). Il trentaduenne compositore romano, premiato nel 2010 col Leone d’Argento per la musica alla Biennale di Venezia, ha risposto alla chiamata dello Sperimentale, che gli ha affidato quest'anno l’Opera Nova, un progetto che da più di due decenni promuove nuove composizioni nate dalla stretta collaborazione tra musicisti e drammaturghi. Il libretto di Giuliano Compagno è incentrato sulla figura di Gioachino Rossini e soprattutto su alcuni aspetti controversi e meno noti della sua personalità, raccontando la sua vita al di là delle scene. «Dinanzi a personalità complesse quale fu quella di Gioachino Rossini - scrive Vittorio Montalti - non vi è biografia che tenga e che si dimostri in grado di esaurirla. A maggior ragione, un’opera a lui dedicata non potrà che toccare, con delicatezza e con gusto, quegli aspetti contrastanti che insieme albergavano, in forme a tratti incomprensibili, nel suo animo». Dirige Enrico Marocchini, con regia di Alessio Pizzech e scene di Davide Amadei. Il 16 è la volta della prima rappresentazione in tempi moderni di "Rosicca e Morano", intermezzo in due parti di Francesco Feo, che rientra in un altro progetto di lungo corso dello Sperimentale, dedicato alla riscoperta del patrimonio in gran parte dimenticato degli intermezzi settecenteschi. Dirige Pierfrancesco Borrelli e il regista è Giorgio Sangati. Dopo "Schwanengesang" di Schubert portato in scena da Stefiano Monti (21 settembre), è la volta del grande repertorio melodrammatico, con "Un ballo in maschera", con la direzione di Marco Angius e la regia di Monti. Alle sei recite a Spoleto (20-25 settembre) seguiranno altre sei recite dal 26 settembre al 1° ottobre a Perugia, Assisi, Città di Castello, Todi e Orvieto, nell'ambito della stagione lirica regionale. In tutte le opere sono impegnati i giovani vincitori del concorso internazionale di canto dello Sperimentale.

M. M.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi

classica

Il pianista Andrea Lucchesini sarà il nuovo direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Otto produzioni operistiche e un ricchissimo programma di concerti fino al 30 agosto