Sostenere l'Accademia Gustav Mahler

Crowfunding fino al 15 giugno

News
classica
C'è tempo fino al 15 giugno 2014 per sostenere l'Accademia Gustav Mahler con l'innovativo crowdfunding, aperto quest'anno dal Bolzano Festival Bozen per far fronte all'alto numero di richieste di iscrizione ai corsi di perfezionamento. La richiesta di fondi è stata lanciata sulla piattaforma BFB per aumentare di 10 posti il numero di iscritti e per arricchire il corpo docenti con il violinista berlinese Kolja Blacher. «Vogliamo rinforzare l'eredità di Claudio Abbado!» dichiara il direttore artistico del BFB, Peter Paul Kainrath. «Il Bolzano Festival Bozen quest'anno ricorderà Abbado il quale ha contribuito in modo sostanziale alla nascita del Festival portando come orchestre in residenza le due formazioni giovanili della European Union Youth Orchestra e della Gustav Mahler Jugendorchester e creando la Gustav Mahler Academy. Le richieste di partecipare a quest'ultima ogni anno crescono sempre più e perciò il BFB punta sul nuovo strumento di finanziamento del crowdfunding per permettere di assicurare ulteriori posti ai migliori talenti europei. Dal piccolo contributo di 10,00€ fino a 1.000,00€ ognuno potrà aiutare a far crescere il futuro musicale europeo. Inoltre i benefit per i sostenitori sono interessanti». A seconda del contributo donato, si potrà vedere il proprio nome citato sul programma di sala del concerto del 31 luglio 2014 a Bolzano, dove l'orchestra dell'Accademia Gustav Mahler verrà diretta da Daniel Harding (Quinta di Beethoven, Concerto per Violino di Brahms con solista Kolja Blacher), oppure si potranno avere biglietti omaggio per questo ed altri appuntamenti, o ancora incontrare i musicisti dell'orchestra e lo stesso Harding o addirittura concordare un concerto a domicilio.
m.c.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Anche due prove aperte a Milano per la Filarmonica diretta da Riccardo Chailly

classica

Il soprano veronese è stata designata all’unanimità dal Consiglio di Indirizzo della Fondazione lirica Arena di Verona

classica

La disavventura di Myrna Herzog con la sua preziosa viola da gamba lancia l'hashtag #AlitaliaHatesMusicians