Scarlatti ritrovato

A Roma il 10 giugno il "Narciso”

News
classica
Di Domenico Scarlatti tutti conoscono le Sonate per clavicembalo, mentre le sue opere teatrali e la sua musica sacra, risalenti in gran parte al suo periodo romano, sono quasi totalmente scomparse. Però, cercando negli archivi, qualcosa comincia a riemergere, come "Amor d’un’ombra e gelosia d’un’aura" ovvero "Eco e Narciso", dramma per musica di Carlo Sigismondo Capeci posto in musica da Scarlatti e rappresentato nel 1714 nel teatro privato di Maria Casimira, regina vedova di Polonia, che all'epoca risiedeva a Roma e di cui il compositore era maestro di cappella. Si deve questa riscoperta a Lorenzo Tozzi, che è riuscito a ricostruire parzialmente l'opera, recuperando tutte le arie (ben quattordici) e i recitativi dei due protagonisti, Eco e Narciso, riutilizzati da Domenico Scarlatti nel suo "Narciso" su libretto di Paolo Rolli, rappresentato a Londra nel 1720. Lo stesso Tozzi dirige l'opera in forma di concerto (ma con i costumi) venerdì 10 giugno alle 17, nella splendida sala della Biblioteca Angelica, sede dell'Accademia dell'Arcadia, che contribuisce all'evento in memoria di Maria Casimira e del librettista, che furono entrambi Arcadi. Il mezzosoprano Beatrice Mercuri e il controtenore Angelo Bonazzoli interpretano rispettivamente Eco e Narciso. Suona il Roma Barocca Ensemble. Il concerto sarà registrato e pubblicato in cd.

M.M.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il bolzanino Peter Paul Kainrath sarà il nuovo direttore del Klangforum Wien dal 2020

classica

Anche due prove aperte a Milano per la Filarmonica diretta da Riccardo Chailly

classica

Il soprano veronese è stata designata all’unanimità dal Consiglio di Indirizzo della Fondazione lirica Arena di Verona