Rete Lirica Marchigiana

Una collaborazione tra i teatri

News
classica
A sostegno dei teatri di lirica ordinaria marchigiani si è di recente costituita la Rete Lirica delle Marche, promossa dall'Assessorato alla Cultura della Regione e realizzata grazie al coordinamento del Consorzio Marche Spettacolo. Vi aderiscono i teatri di Ascoli Piceno, Fermo e Fano, con il coordinamento produttivo del teatro di tradizione di Macerata, il supporto della FORM, Fondazione Orchestra Regionale delle Marche e del Rossini Opera Festival. Nata sulla falsa riga del circuito dei teatri di tradizione lombardi, la rete rappresenta il primo caso italiano di sistema tra teatri di lirica ordinaria e costituisce un virtuoso esempio di collaborazione tra questi ultimi e un teatro di tradizione (Macerata), un festival (il ROF) e una ICO (la FORM). Il progetto è naturalmente aperto a tutti i teatri della regione che, avendone i requisiti, intendano aderirvi anche in un momento successivo. L'obiettivo è favorire quanto più possibile la produzione lirica utilizzando le masse artistiche e le maestranze tecniche regionali, e valorizzando le coproduzioni e la circuitazione del repertorio. La Rete dei Teatri di Lirica Ordinaria prevede una fase sperimentale di prima attuazione della durata di tre anni; nel triennio 2015-2017 dunque i teatri si impegnano a realizzare: una coproduzione di due titoli d'opera nel periodo gennaio - marzo di ogni anno; una eventuale coproduzione di un titolo d'opera nel periodo autunnale volto ad ampliare la rete verso regioni limitrofe come l'Abruzzo e l'Umbria; un'eventuale ospitalità di produzioni estive provenienti dal teatro di tradizione anche riadattate in forma semi-scenica o di concerto. La FORM è individuata come orchestra di riferimento, ma si prevede di coinvolgere anche altri organici di qualità presenti nel territorio. Poco meno di due mesi dopo la costituzione di questo sistema sono stati resi noti, qualche giorno fa, i titoli della stagione invernale 2015, che si avvale della consulenza artistica di Alessio Vlad (nella foto): Madama Butterfly e L'elisir d'amore. Entrambe le produzioni riprendono gli allestimenti del Macerata Opera Festival, rispettivamente del 2009, a cura di Pier Luigi Pizzi, e del 2002, per la regia di Saverio Marconi. Oltre alla FORM, suonerà l'Orchestra Sinfonica "G. Rossini"; canteranno gli artisti del Coro del Teatro della Fortuna di Fano e quello del Ventidio Basso di Ascoli Piceno.

Lucia Fava

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi

classica

Il pianista Andrea Lucchesini sarà il nuovo direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Otto produzioni operistiche e un ricchissimo programma di concerti fino al 30 agosto