Nuoro Jazz anno 27

Dal 20 al 30 agosto i seminari sardi, con un ricco programma di concerti e un omaggio a Marco Tamburini

News
jazz
Da oltre un quarto di secolo è uno dei poli della formazione jazz più prestigiosi in Italia: i seminari di Nuoro Jazz tornano per la ventisettesima volta, dal 20 al 30 agosto presso la Scuola Civica di Musica "Antonietta Chironi", con il consueto programma collaterale di concerti. Due anni fa i seminari hanno cambiato rotta, passando dalla direzione di Paolo Fresu a quella del "fido" Roberto Cipelli, e hanno rinnovato l'intero corpo docente, che rimane confermato per questa edizione: Emanuele Cisi ( sassofono), Cinzia Spata e Francesca Corrias (canto), Dado Moroni (pianoforte), Marcella Carboni (arpa jazz), Bebo Ferra (chitarra), Paolino Dalla Porta (contrabbasso), Stefano Bagnoli (batteria), Enrico Merlin (storia del jazz), Salvatore Maltana (musica d'insieme) e Giovanni Agostino Frassetto (flauto, armonia di base e tecnica dell'improvvisazione). Manca, purtroppo, Marco Tamburini, scomparso lo scorso maggio in un incidente. La classe di tromba sarà seguita da Fulvio Sigurtà e Dino Rubino.

Oltre alle classi di strumento, previste una masterclass di Gil Goldstein, una sulla musica sarda (con Totore Chessa) e una per fonici (con Marti Jane Robertson).

Fra i concerti (ogni sera durante il seminario), Gavino Murgia con Michel Godard e Patrice Héral, il sestetto Jazz Express (con i migliori allievi dello scorso anno), il duo Raffaele Casarano / Mirko Signorile, un omaggio a Marco Tamburini con tutti i docenti e Paolo Fresu, Bojan Z, Elisabetta Antonini, Matteo Pastorino e un inedito trio di mantici: Gil Goldstein, Antonello Salis e Totore Chessa. Ricco il programma collaterale, anche nella provincia: consultate per tutte le informazioni.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network

jazz

Addio al musicista americano, fondatore della AACM

jazz

Fino al 12 dicembre ParmaJazz, il festival diretto da Roberto Bonati