A Montepulciano la terza edizione del Festival di Pasqua

Dal 13 al 30 aprile

News
classica
Dopo il successo delle prime edizioni, torna per la terza volta a Montepulciano il Festival di Pasqua, che si svolgerà dal 13 al 30 aprile, sempre nei fine-settimana. Ideatrice e promotrice del festival è la cantante lirica poliziana Eleonora Contucci, che ha avuto quest'idea insieme ad alcuni musicisti svizzeri animati dalla sua stessa passione. Sono loro - la Contucci e l’ensemble d’archi zurighese “i baroccoli” diretto da Massimiliano Matesic - i protagonisti dei primi concerti: il 13 aprile in anteprima all'ambasciata svizzera di Roma con musiche di Brescianello, Vivaldi, Bach e Haendel, dal 15 al 17 a Sarteano, Chiusi e Montepulciano, con lo stesso programma, arricchito però da un Concerto di Telemann eseguito dalla flautista Bianca Maria Fiorito, una giovanissima promessa vincitrice del Concorso AUDIMozart di Rovereto nel 2016, a soli diciassette anni. A partire dal secondo fine-settimana il festival si svolge interamente a Montepulciano, il 22 con la prima assoluta di Briganti toscani, "melologo grottesco" di Fabrizio De Rossi Re e il giorno dopo con un recital del ventunenne pianista Leonardo Colafelice, 2° Premio alla Cleveland Piano Competition dello scorso anno. Il terzo e ultimo fine-settimana prevede il 28 un concerto dell’Orchestra giovanile d’archi ConFuoco, anch’essa proveniente da Zurigo, con un programma dal barocco al Novecento; il 29 un singolare concerto di due celebri pianisti, Ramin Bahrami e Danilo Rea, che fanno incontrare Bach e il jazz; infine il 30 Alexander Lonquich, nella foto, - che ha appena ricevuto il Premio Abbiati come miglior solista - suona musiche di Beethoven a due mani e di Schubert a quattro mani, insieme a Cristina Barbuti. A questo si aggiunge la prestigiosa presenza di Amnesty International cui viene dedicata la penultima giornata del Festival.

M.M.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

La scomparsa del baritono: aveva 55 anni

classica

Napoli: Fanciulla del West diretta da Valčuha

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi