Luglio Suona Bene, c'è anche Glass

Dal 17 giugno al 3 agosto 41 appuntamenti a Roma, fra pop, rock e altro

News
oltre

Una band di artisti più che mai assortita sarà in scena all’Auditorium Parco della Musica per la quindicesima edizione di Luglio Suona Bene, la storica rassegna estiva organizzata dalla Fondazione Musica per Roma.

Presentata dal presidente della fondazione, Aurelio Regina, e dall’amministratore delegato José R. Dosal, l’edizione 2017 – che si svolgerà dal 17 giugno al 3 agosto – promette di essere quella più lunga della storia di questi quindici anni: al momento sono 41 gli appuntamenti confermati ma altri molto probabilmente se ne aggiungeranno prima dell’estate.

Un mix di eventi dedicati a personalità intramontabili, al pop/rock, al rap, alla musica sperimentale, al soul e alla classica: difficile dare un’etichetta a ciascuno degli appuntamenti, ma i nomi che si alterneranno nel calendario sono di indubbio interesse.

Dai Jethro Tull di Ian Anderson (23 giugno) a Charles Aznavour (23 luglio), dai The Pretenders capitanati da Chrissie Hynde (14 luglio) a Tom Jones (26 luglio), dalla band irlandese The Cranberries con la sua frontwoman Dolores O’Riordan (26 giugno) al sound inconfondibile degli storici Beach Boys (27 giugno). E tra gli italiani è d’obbligo ricordare , tra gli altri, artisti come Stefano Bollani, Renzo Arbore, Gino Paoli, Danilo Rea, Nek, Carmen Consoli, Fiorella Mannoia, Alex Britti e Max Gazzè.

E agli appassionati di musica contemporanea va segnalato sicuramente il concerto di Philip Glass, che eseguirà dal vivo i suoi 20 Etudes per pianoforte (16 luglio).

(Giorgio Cerasoli)

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

oltre

Un progetto di ricerca internazionale finanziato dalla Fondazione Volkswagen si propone di analizzare il ruolo della musica popolare nell’affermazione dei populismi in Europa

oltre

Il festival valdostano diretto da Giorgio Li Calzi alla nona edizione, dal 20 luglio

oltre

Dal 7 luglio al 4 agosto nel favoloso Auditorium Horszowsky, nel cuore delle Langhe