Lo Sferisterio pensa in verde

Il Macerata Opera Festival  2018 sarà dedicato all'ecologia

News
classica
Elisir d'amore, regia di Michieletto
Elisir d'amore, regia di Michieletto

Al tema del verde, dell’ecologia e della sostenibilità sarà dedicata l’edizione 2018 del Macerata Opera Festival, dal 20 luglio all’11  agosto nella grande arena dello  Sferisterio. “Verdesperanza” è il titolo che la nuova direttrice artistica, Barbara Minghetti, ha pensato per la prossima programmazione, con tre titoli: Die Zauberflöte, L’elisir d’amore e Traviata, che saranno rappresentativi di un’arte della “speranza”, capace di operare per un futuro migliore dove cultura, natura e territorio possano sposarsi verso un comune obiettivo.

La connotazione naturalistica si esplicherà principalmente negli allestimenti: per l’opera mozartiana il regista Graham Vick, al suo debutto allo Sferisterio, contrapporrà lo scenario naturale del percorso iniziatico di Tamino, sorretto appunto dalla  “speranza”, a quello della quotidianità inquinata e senza più risorse per la vita della Regina della Notte; Vick chiamerà sul palco anche il pubblico, cento persone scelte tra gente di tutte le età che rappresentino la comunità. L’elisir d’amore invece, per la regia di Damiano Michieletto,  sarà ambientato su una spiaggia,  il pubblico rappresenterà  il mare e il palcoscenico apparirà interamente coperto  di sabbia. Traviata riproporrà un classico, il premiatissimo allestimento con le scene di Svoboda e la regia di Brockhaus noto come “Traviata degli specchi”. Dalle nuove linee interpretative delle tre opere emerge anche il tema dei quattro elementi naturali, terra acqua aria e fuoco, nei quali si declina, come sottolinea la Minghetti,  il “Verdesperanza”: acqua e fuoco emergono nel Flauto magico, la terra/sabbia e il mare nell’Elisir, e l’acqua in Traviata, perché il gioco degli specchi ricorda l’elemento liquido. I cast sono stati scelti dal direttore stabile Francesco Lanzillotta, che ha sottolineato  la necessità di voci omogenee, che si sposino bene tra loro: spazio a giovani talenti, ma anche ad artisti affermati come Mariangela Sicilia, John Osborne, Alex Esposito, Luca Salsi. Lanzillotta dirigerà Elisir, mentre debutteranno allo Sferisterio il giovanissimo Daniel Cohen nella direzione del Flauto, e la direttrice Keri-Lynn Wilson in Traviata.

 

 

 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Anche due prove aperte a Milano per la Filarmonica diretta da Riccardo Chailly

classica

Il soprano veronese è stata designata all’unanimità dal Consiglio di Indirizzo della Fondazione lirica Arena di Verona

classica

La disavventura di Myrna Herzog con la sua preziosa viola da gamba lancia l'hashtag #AlitaliaHatesMusicians