LIU’UD, l'oud incontra il liuto

All'Arciliuto di Roma il progetto di Ziad Trabelsi

News
world

Un bel progetto, messo in cantiere dalla fiorentina Fabbrica Europa, viene presentato il 30 novembre a Roma: LIU’UD. L'idea alla base è quella di far incontrare lo strumento-simbolo della cultura araba, lo oud, con il liuto europeo, alla ricerca delle radici comuni e dei punti di contatto, musicali e organologici, tanto evidenti quanto spesso dimenticati.

L'oud è affidato al tunisino Ziad Trabelsi, cantante e strumentista con l'Orchestra di Piazza Vittorio e attivo in proprio anche come compositore di musiche da film. Insieme a lui, Francesco Tomasi al liuto, Fabrizio Cardosa al colascione, e Simone Pulvano alle percussioni. L'appuntamento è per il 30 novembre – manco a farlo apposta – all'Arciliuto di Roma.

«In un’epoca di incontri a volte voluti, a volte evitati, – ha spiegato Trabelsi – in cui gli incontri fra popoli arricchiscono l’agire quotidiano, in cui si negozia per il dialogo e per la diversità, costruendo ponti e rimanendo spesso impreparati a questa presunta novità, dimentichiamo che tutto questo esisteva già da tempo. Il mondo è questo sin da quando è stato creato. E i canali di mediazione non si tingono solo di dibattiti, poltrone politiche e leggi: esiste un canale che da sempre ha messo in comunicazione i popoli: la musica».

LIU’UD è una produzione Fabbrica Europa nell'ambito del progetto MigrArti, con il sostegno di MiBACT.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

world

Prima italiana per la nuova produzione dell'OPV, il 9 novembre a Roma

world

Gli ospiti del Premio Parodi: Amira Medunjanin, Luisa Cottifogli, Tenores di Bitti

world

Annunciati i 10 concorrenti del Premio sardo, dal 12 al 14 ottobre a Cagliari