L'importante è collaborare

Lo studio di Federculture per la progettualità culturale

News
classica
A fronte dell'inesorabile calo di risorse pubbliche e private da destinare alla cultura è sempre più indispensabile puntare sullo sviluppo di una progettualità che consenta di reperire e portare nuove risorse verso un settore che sicuramente attende una maggiore e più capillare valorizzazione. Il tema è ampiamente trattato in uno studio condotto da Federculture e dalla Fondazione Ifei e intitolato "Le forme di partenariato pubblico-privato e il fondo per la progettualità culturale". Lo studio, presentato a Roma, è stato curato da Claudio Bocci (Direttore Sviluppo e Relazioni Istituzionali Federculture) e da Francesco Monaco (Responsabile Dipartimento Progetti speciali IFEL-Istituto per la Finanza e l'Economia Locale, Fondazione istituita dall'ANCI). L'argomento è di toccante attualità non solo a causa della drastica riduzione dell'impegno pubblico in cultura ma soprattutto considerando l'impreparazione di molte amministrazioni locali nel saper intercettare e spendere virtuosamente i fondi comunitari, che - in percentuale sconcertante - sono ritornati a Bruxelles senza essere stati utilizzati. Nello studio innanzitutto viene ribadito come il sistema culturale non possa essere riavviato se non attraverso forme di partenariato tra gli Enti locali e soggetti privati. Per favorire questo rapporto è necessario sviluppare una progettualità culturale, il cui obiettivo finale è la valorizzazione dei beni culturali di cui il nostro paese è ricco e di dare un decisivo impulso alla crescita di attività culturali. Decisiva a tale proposito è la proposta di introdurre un "Fondo per la progettualità culturale", ispirato al fondo per la progettualità delle infrastrutture già esistente nella Cassa Depositi e Prestiti e creato guardando le esperienze le esperienze di altri paesi europei: una progettualità avanzata consentirebbe infatti alle amministrazioni pubbliche di verificare anticipatamente le sostenibilità finanziaria dei progetti, condizione sempre più necessaria non solo a fronte della riduzione di risorse disponibili ma anche per favorire una maggiore partecipazione dei privati nell'investimento culturale.
Giorgio Cerasoli

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi

classica

Il pianista Andrea Lucchesini sarà il nuovo direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Otto produzioni operistiche e un ricchissimo programma di concerti fino al 30 agosto