Le orchestre del Festival Enescu

A Bucarest dal 30 agosto

News
classica
Il Festival Enescu di Bucarest è una vetrina delle più grandi orchestre sinfoniche, con cui forse solo Lucerna e Salisburgo possono stare alla pari, e offre anche molte opportunità di ascoltare ottimi solisti, gruppi cameristici, ensemble di musica barocca e di musica contemporanea. Né manca l'opera. È dunque una rassegna musicale impressionante per qualità e quantità delle proposte. Quest'anno i concerti saranno cinquantotto, dal 30 agosto al 20 settembre, ad un ritmo che nei weekend può raggiungere i quattro appuntamenti quotidiani, ma il momento culminante di ogni giornata è quello denominato "Great Orchestras". L'onore di aprire questa serie di concerti è lasciato all'Orchestra Giovanile Romena, poi 31 agosto e l'1 settembre arriva la Israel Philharmonic con Zubin Mehta, seguita il 3 settembre dai Berliner Philharmoniker col loro direttore musicale Simon Rattle. Nei due giorni immeditamente successivi si possono ascoltare la Staatskapelle Dresden e Christian Thielemann, quindi il 6 e il 7 la San Francisco Symphony col suo direttore Michael Tilson Thomas. È poi la volta della London Symphony diretta da Ion Marin (l'8 e il 9) e della Filarmonica di San Pietroburgo con Yuri Temirkanov (il 10 e l'11). L'Orchestra dell'Opera di Stato di Monaco di Baviera è a Bucarest il 12 e il 13 per un concerto diretto da Constantinos Carydis e per un'esecuzione in forma di concerto dell'Elektra con Sebastian Weigle sul podio. Il 15 e il 16 i concerti sinfonici sono due al giorno: il pomeriggio la Filarmonica di Montecarlo con Gianluigi Gelmetti e la sera i Wiener con Semyon Bychkov. Segue la Royal Liverpool Symphony Orchestra diretta da Vasily Petrenko (il 17 e 18) e poi gran finale con quella che spesso viene proclamata la migliore orchestra del mondo nei referendum indetti periodicamente da qualche rivista musicale: è la Royal Concergebouw Orchestra di Amsterdam, che si esibisce il 19 e il 20 diretta da Andris Nelsons. Inoltre si potranno ascoltare le migliori orchestre della Romania - che in questo campo ha un'eccellente tradizione - ed ottime orchestre da camera come Deutsche Kammerphilharmonie Bremen diretta da Trevor Pinnock, Orchestre de Cambre de Paris con Roger Norrington, Orchestra of the Age of Enlightement. Tra i solisti, nell'impossibilità di citarli tutti, bisogna ricordare almeno Murray Perahia, David Garrett, Maria João Pires, Renaud e Gautier Capuçon, Anne-Sophie Mutter, Fazil Say, Yfrem Bronfman e Andras Schiff. Per il barocco basti citare tre gruppi d'eccellenza quali King's Consort (Haendel e Purcell ma anche Mendelssohn e Britten), Il Pomo d'Oro, diretto da Riccardo Minasi nel Catone in Utica di Vinci, e Academy of Ancient Music nell'Incoronazione di Poppea di Monteverdi, in forma di concerto.

m.m.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il 26 giugno nel Ridotto dei Palchi "Claudio Abbado e la riscoperta di Fierrabras", un incontro per ricordare la rinascita moderna dell'opera nel 1988 a Vienna

classica

Presentata la nuova stagione del Palau de les Arts

classica

Un grave lutto ha colpito la IUC e tutto il mondo musicale romano e italiano