Il risanamento del Massimo

Palermo: approvato il piano

News
classica
Ventiquattro prepensionamenti, colpo di scure sulle indennità, la realizzazione "in house" di servizi attualmente affidati a ditte esterne: la Fondazione Teatro Massimo di Palermo ha approvato il piano di risanamento triennale 2014-2016 previsto dalla legge "Valore cultura" e dal decreto "Art Bonus", che in funzione del piano permette l'accesso al fondo speciale di 125 milioni di euro istituito dal governo per ripianare i debiti delle Fondazioni lirico-sinfoniche. La richiesta del Teatro Massimo è di 8 milioni di euro, che saranno utilizzati per abbattere la quota capitale dei mutui in corso. Adesso il piano passerà al vaglio del commissario Pinelli e del ministero dei Beni culturali, quindi del ministero dell'Economia e infine della Corte dei conti. Il piano di risanamento del Massimo approvato dal consiglio di indirizzo in termini pratici prevede una riduzione della spesa di oltre 3 milioni di euro e il conseguimento di risultati di bilancio positivi per i prossimi tre anni. L'obiettivo sarà raggiunto principalmente tramite la riduzione del costo del personale e lo stralcio di debiti con banche e fornitori, oltre che con azioni legate all'incremento dei ricavi attraverso la partecipazione dei privati, nuove azioni per l'incremento di spettatori e turisti e l'uso razionalizzato di sale e spazi del monumento per eventi non solo programmati dalla Fondazione.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

La sonata verrà eseguita al Festival Toscano di Musica Antica il 30 agosto

classica

A Lucca "Per sogni e per chimere"

classica

Presentato a Salisburgo il programma del Festival di Pentecoste 2019