Il Conservatorio di Palermo festeggia i 400 anni

In programma concerti in tutta la città

News
classica
Per il suo quattrocentesimo anniversario il Conservatorio "Vincenzo Bellini" di Palermo ha organizzato una stagione di concerti, che copre la musica di tutti i tempi e di tutti i generi, dalla sinfonica alla lirica, dal barocco al jazz e alle più innovative espressioni musicali dei nostri giorni. Le manifestazioni coinvolgeranno l'intera città e si svolgeranno - oltre che nella Sala Scarlatti del Conservatorio - presso il Teatro Massimo, il Politeama Garibaldi, la Chiesa del SS. Salvatore, il Real Teatro di Santa Cecilia e l’Oratorio di Santa Cita. L'inaugurazione sarà lunedì 6 marzo al Teatro Massimo con una preziosa riscoperta: la prima esecuzione moderna di due cantate inedite di Gaetano Donizetti, "Cessate! Pria che riprodur si vegga" e "Salve o terra, che altèra ne vai". Scritte entrambe per il Real Teatro Carolino di Palermo, ove furono eseguite per la prima volta nel 1825, sono state recentemente ritrovate nella biblioteca del Conservatorio e saranno eseguite da ex-allievi oggi in carriera, quali il mezzosoprano Chiara Amarù, il tenore Giulio Pelligra e il basso Ugo Guagliardo, insieme all'Orchestra Sinfonica Bellini, all'Orchestra di Fiati Bellini e al Coro del Conservatorio, diretti da Loris Capister. Concluderà la serata il "Concerto per archi in memoria di Bob Kennedy", scritto nel 1986 da Eliodoro Sollima, ex-direttore del Conservatorio.

Di grande interesse è il progetto dedicato al palermitano Alessandro Scarlatti, del quale sarà eseguita tra marzo e ottobre un'ampia scelta dei lavori più importanti, di cui saranno interpreti anche in questo caso - oltre all’omonimo Ensemble di strumenti antichi - alcuni ex-allievi divenuti celebri, tra cui il soprano Gabriella Costa. Molti altri saranno gli ex-allievi che parteciperanno alla stagione, tra cui i soprano Desirée Rancatore e Jessica Nuccio, la giovanissima promessa del violino Andrea Obiso, Calogero Palermo primo clarinetto della Royal Concertgebouw Orchestra, Massimo La Rosa primo trombone della Cleveland Orchestra e altri ancora. Tra le altre manifestazioni spicca l’International Rostrum of Composers, concorso dedicato ai giovani compositori contemporanei, organizzato dall’International Music Council di Parigi, tra i cui vincitori figurano dal 1954 ad oggi nomi del calibro di Nono, Castiglioni, Dusapin, Esa-Pekka Salonen, Ligeti, Kurtàg, Donatoni, Britten e Penderecki. Rappresentanti di quaranta radio europee saranno presenti a Palermo dal 16 al 19 maggio per giudicare le composizioni in concorso e successivamente un gruppo di studenti andrà a Bruxelles per eseguire le nuove composizioni al Palais des Beaux Arts.

M.M.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi

classica

Il pianista Andrea Lucchesini sarà il nuovo direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Otto produzioni operistiche e un ricchissimo programma di concerti fino al 30 agosto