Herreweghe apre il Bologna Festival

Il 16 marzo con Haydn

News
classica
Il 16 marzo, con "La creazione" di Haydn (diretta da Philippe Herreweghe alla guida del Collegium Vocale Gent e dell'Orchestre des Champs-Élysées), torna Bologna Festival. 33 le stagioni concertistiche che si vanno a contare quest'anno, prezioso esempio di continuità progettuale che ancora una volta porterà a Bologna i nomi di maggior richiamo del panorama internazionale, da Vladimir Jurowski ad András Schiff, da Mario Brunello a Isabelle Faust (quest'ultimi in un inedito duo voluto proprio dalla direzione artistica di Bologna Festival, come sempre nelle solide mani di Mario Messinis), nuovi talenti e un programma, Il Nuovo L'Antico, che va ad accostare repertori classici e pre-classici ad approfondimenti novecenteschi e che nel 2014 avrà come tema la Triade polacca, ovvero Fryderyk Chopin, Karol Szymanowski, Witold Lutosławski.

a.ra.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Due operine tascabili e concerti di musica italiana, serba, spagnola ed inglese al festival marchigiano

classica

Ad Ancona due nuove produzioni per la stagione 2018: Cenerentola e Un ballo in maschera

classica

Presentato il programma 2018 dell'Istituzione Universitaria dei Concerti, dal 16 ottobre fino a maggio