Fano Jazz al via

Dal 22 il festival marchigiano, con Noa, Scofield-Mehldau-Guiliana, Kenny Garrett...

News
jazz
Anno numero 24 per Fano Jazz by the Sea, e ricco programma internazionale fino al 31 luglio: l'anteprima spetta a Noa, il 22 luglio in Piazza XX Settembre. Il festival entra però nel vivo dai giorni successivi, al Teatro della Fortuna: domenica 24 l'atteso concerto del trio all-star con John Scofield, Brad Mehldau e Mark Guiliana. Lunedì 25 gli Yellowjackets, poi il giorno seguente il latin jazz muscolare del Volcan Trio, ovvero il pianista Gonzalo Rubalcaba con la batteria di Horacio “el Negro” Hernandez e il basso di Armando Gola, e il 27 il quintetto di Kenny Garrett.

Dal 28 ci si sposta invece alla Corte Sant’Arcangelo con il trio anglo-norvegese Phronesis (alla prima uscita italiana), il quartetto del contrabbassista svedese Lars Danielsson (29) e lo Special Quartet di Roberto Gatto (30).

Il programma principale si chiude domenica 31 luglio con il consueto concerto gratuito, alla Golena del Furlo di Acqualagna: di scena No BS! Brass Band, brass band dallo spirito rock-funk.

Fra le produzioni speciali, invece, i "festeggiamenti" per l'anniversario di Blow Up di Antonioni, con un ensemble guidato da Eugenio Giordani impegnato nel rileggerne le musiche (23 luglio). E, "filone" fra i più interessanti dell'edizione 2016, una serie di quattro performance in solo, al pomeriggio, nella Pinacoteca San Domenico: “Gli echi della migrazione” porterà in scena Luca Aquino (26), Michele Rabbia (27), Dimitri Grechi Espinoza (28) e Gavino Murgia, con una coda all'Abbazia di San Vincenzo al Furlo con Giorgio Li Calzi e Manuel Zigante (31). Infine, un ciclo dedicato ai giovani talenti italiani, con – fra le molte proposte – il trio pianistico di Claudio Filippini, Giovanni Guidi e Mirko Signorile ("Un pianoforte per L’Aquila", nato dopo la kermesse aquilana dell'anno scorso). Dettagli su www.fanojazznetwork.it.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

Dal 1° luglio al 5 agosto, la prima volta con la partecipazione della Fondazione Musica per Roma

jazz

Il clou del festival in Franciacorta è il duo Peter Brötzmann - Hamid Drake, e il solo del sassofonista

jazz

Il pianista americano avrebbe dovuto ritirare il Leone d'Oro alla Carriera il prossimo 29 settembre