Da Scarlatti a Colasanti

Madrid: "Frammenti di Lettere Amorose" in prima il 4 giugno

News
classica
Dopo gli ottimi riscontri di pubblico e critica ottenuti da "Preludio, Presto, Lamento", dedicato a Yuri Bashmet e I Solisti di Mosca e da loro eseguito in prima assoluta agli Amici della Musica di Foligno e alle Serate Musicali di Milano nello scorso febbraio, Silvia Colasanti ha in programma altre tre prime esecuzioni di sue composizioni. Il 4 giugno sarà presentato a Madrid "Frammenti di Lettere Amorose", che si ispira a tre cantate di Alessandro Scarlatti, per soprano, due violini e basso continuo (violoncello, tiorba e clavicembalo).
«La scelta di lavorare con gli strumenti antichi è stata dettata dal desiderio di capire come essi avrebbero reagito a un linguaggio contemporaneo - spiega la compositrice - al di là di ogni tentazione retrospettiva. Il mio grande amore e il rispetto che provo per Scarlatti mi hanno aiutata ad avvicinare la sua musica, che ho inserito nel testo con un linguaggio molto personale». Il 18 luglio all'Emilia Romagna Festival avrà luogo la prima assoluta di "Partita" per flauto e archi, con Massimo Mercelli e i Solisti Aquilani. Altra prima assoluta il 23 novembre al festival L'esprit du Piano di Bordeaux, dove il pianista Sandro De Palma presenterà "Rumbling Gears", che poco dopo sarà da lui eseguito anche all'Istituto italiano di cultura di Parigi, il 7 dicembre. Inoltre il 16 giugno a Padova "Capriccio a due" per due violini e archi sarà ripreso da Claudio Scimone e i Solisti Veneti. Sempre nel 2015 "Orfeo. Flebile queritur lyra" avrà circa venti esecuzioni in Francia con la direzione di Claire Gibault, nel corso di una tournée che toccherà sia scuole sia sale da concerto, tra cui la Cité de la Musique di Parigi il 7 dicembre 2015.

m.m.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi

classica

Il pianista Andrea Lucchesini sarà il nuovo direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Otto produzioni operistiche e un ricchissimo programma di concerti fino al 30 agosto