Bruxelles: la Monnaie riapre

La sala è stata rinnovata

News
classica
Apparentemente nulla è cambiato, in realtà gli interventi sono profondi ed adesso la Monnaie è pronta per il futuro. Dopo due anni di lavori, il prossimo martedì il Teatro dell’Opera di Bruxelles riaprirà i battenti con Pinocchio di Philippe Boesmans ed il pubblico potrà godere di una sala molto più confortevole e sicura e, sopratutto, di una scena completamente rifatta che consentirà di accogliere e creare allestimenti all’avanguardia. Guardando con più attenzione si comincia a notare che le poltrone sono lo stesso identico modello di prima ma tutte nuove, e rese indipendenti, mentre prima un brusco movimento in una aveva ripercussioni in tutta la fila. Il numero dei posti disponibili è pure esattamente lo stesso di prima, 1.125 posti, non si è approfittato dell’occasione per aumentare la capienza a scapito della comodità. Non si è salvaguardata soltanto la forma ma anche la sostanza, scegliendo accuratamente i materiali per preservare l’acustica del luogo: prova superata, l’orchestra della Monnaie lo ha testato provandovi per la prima volta lo scorso fine settimana nella fossa pure interamente tutta rinnovata. Tutte le luci sono state cambiate in LED di ultimissima generazione, molto più economiche e sopratutto dall’intensità completamente modulabile.

Ma l’intervento più consistente per la sala è l’impianto di aereazione completamante nuovo: se il precedente si caratterizzava per fare sentire freddo in sala e caldo nei palchi, adesso il condizionamento è ovunque ottimale ed il comfort massimo assicurato. Cambiamenti strutturali invece per il palcoscenico che ha perso la sua pendenza, adesso è perfettamente piatto per evitare i problemi di adattamento degli allestimenti, e sopratutto dotato di quattro modernissimi ascensori di scena che permetteranno montaggi e cambi scena velocissimi e silenziosissimi.

“Dopo trent’anni dagli ultimi lavori di ammodernamento – ha detto Peter De Caluwe, direttore generale della Monnaie – adesso il nostro teatro d’opera è pronto per giocare un ruolo internazionale di primo piano anche negli anni a venire”.

Se l’edificio storico della Monnaie è stato infine adesso restituito alla sua funzione, con un anno di ritardo rispetto al cronoprogramma iniziale, in effetti i lavori non sono ancora terminati essendo ancora in via di completamento il nuovo tunnel sotterraneo che collegherà il teatro all’edificio alle sue spalle che ospita gli atelier e che dovrebbe essere finalmente operativo la prossima primavera. E già Caluwe ammette che anche le facciate dovranno essere prossimamente rifatte. Insomma il teatro riapre , ma con i lavori ancora in corso. E adesso si spera di recuperare gli abbonati persi, circa il 20%, con la programmazione di opere e concerti in vari luoghi di Bruxelles quali la famigerata tenda appositamente costruita per l’occasione e dall’acustica deprecabile. E c’è un deficit nel bilancio 2016, e sicuramente anche in quello del 2017, da fare rientrare.

“Non abbiamo ancora le cifre ufficiali delle spese effettuate per la ristrutturazione della Monnaie - ha spiegato de Caluwe – perché non sono di nostra competenza dato che l’edificio è di proprietà federale. Sul nostro budget invece i costi di funzionamento che nel 2016 sono cresciuti di 6.150 milioni di euro, il 55% dei quali spesi per la tenda, e il 20% dovuto anche alle nuove misure di sicurezza che abbiamo dovuto installare. Di sicuro vogliamo riportare velocemente il bilancio in pareggio, ma senza intaccare il numero di produzioni, così come abbiamo fatto in questi due ultimi anni malgrado le necessarie riprogrammazioni di titoli ed artisti”.

Alma Torretta

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi

classica

Il pianista Andrea Lucchesini sarà il nuovo direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Otto produzioni operistiche e un ricchissimo programma di concerti fino al 30 agosto