Area Sismica, la contemporanea concentrata

Il 25 novembre a Forlì la settima edizione del Festival di Musica Contemporanea Italiana curato da Fabrizio Ottaviucci per Area Sismica

News
oltre
Festival di Musica Contemporanea Italiana curato da Fabrizio Ottaviucci per Area Sismica
Foto di Ariele Monti - areasismica.it

La settima edizione del Festival di Musica Contemporanea Italiana, organizzato da Area Sismica a Forlì, si caratterizza subito per la scelta che riguarda la struttura dei concerti: sei set concentrati in una unica giornata divisa in due parti da un ampio intervallo. Una istantanea, una verifica ravvicinata di proposte variegate con la presenza di interpreti tra i più qualificati di questi repertori. A garanzia della qualità della programmazione non solo la storia di Area Sismica, una realtà culturale consolidata che sulla ricerca musicale vanta una esperienza tra le più vitali e longeve a livello nazionale, ma anche la curatela di Fabrizio Ottaviucci a sua volta uno degli intrepreti più raffinati della nuova musica.

All’interno del programma c’è particolare attesa per la sperimentazione, che coinvolgerà il violino di Francesco D’Orazio e l’elettronica di Francesco Abbrescia, che si confronteranno con pagine bachiane trascinate attraverso uno spiccato radicalismo interpretativo in un pensiero contemporaneo. Una bella scommessa tutta da verificare. Gli altri musicisti coinvolti: il pianoforte di Anna D’Errico, la chitarra elettrica di Carlo Siega, il violoncello di Marco Michele Rossi, le percussioni di Enrico Malatesta, la voce di Tiziana Scandaletti e il pianoforte di Riccardo Piacentini. Verranno eseguite musiche di: F. Romitelli, I. Fedele, L. Ronchetti, D. Terranova, F. Pavan, S. Gervasoni, F.Oppo, F. Abbrescia, E. Morricone, A. Corghi, L. Ferrero, L. Esposito, U. Bombardelli e E. Malatesta.

L'appuntamento è per sabato 25 novembre alla Sala Sangiorgi – Istituto Musicale A. Masini, Forlì. La prima parte inizia alle 18, la seconda alle 21.30. 

Ingresso €15 per l’intera giornata, €10 per un singolo blocco di 3 concerti. Ingresso libero per studenti di istituti musicali.

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

oltre

Un progetto di ricerca internazionale finanziato dalla Fondazione Volkswagen si propone di analizzare il ruolo della musica popolare nell’affermazione dei populismi in Europa

oltre

Il festival valdostano diretto da Giorgio Li Calzi alla nona edizione, dal 20 luglio

oltre

Dal 7 luglio al 4 agosto nel favoloso Auditorium Horszowsky, nel cuore delle Langhe