18 anni di Crossroads

Il festival dell'Emilia-Romagna dal 26 febbraio fino a giugno, con oltre 60 concerti

News
jazz

Crossroads tocca l'edizione della maggiore età, e festeggia con la consueta messe di concerti: alla fine, dal 26 febbraio fino al 1° giugno, sono più di 60 le date in giro per l'Emilia-Romagna, per una ventina di diverse città coinvolte e 500 artisti.

Fra le novità, il ritorno della rassegna a Bologna con uno dei concerti più attesi (quello degli Snarky Puppy, il 24 aprile all'Estragon) e tre "residenze d'artista" per altrettanti trombettisti italiani, fra i più noti nel mondo: Paolo Fresu, Enrico Rava e Fabrizio Bosso.

Il calcio d'inizio è affidato a Fresu e al suo Devil Quartet, al Teatro De André di Casalgrande. Fra i nomi internazionali: John Scofield, Steve Coleman, Sun Ra Arkestra, Gonzalo Rubalcaba, Kenny Garrett, Eddie Henderson, Regina Carter, Avishai Cohen, James Brandon Lewis e – nell'ambito di Ravenna Jazz (dal 5 al 14 maggio) – Pat Metheny (nel quartetto con Antonio Sanchez, Linda Oh e Gwilym Simcock), Billy Cobham e Marc Ribot.

Per orientarsi nel ricco programma e scoprire tutti i nomi, fa fede il sito di Crossroads.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network

jazz

Presentato il programma di UJ Winter: Marc Ribot, Jason Moran, Little Freddie King, Jazzmeia Horn

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network