Blog


Il mestiere di sovrintendente non si improvvisa

di Elisabetta Torselli
Francesco Bianchi lascerà l'incarico di sovrintendente dell'Opera di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino il 30 aprile. Una «decisione irrevocabile» e un comunicato stampa datato 24 febbraio, che in realtà ci aspettavamo da diversi giorni. Ce l'aspettavamo dall'11 febbraio, avendo ricevuto in data 10 febbraio dall'Ufficio Stampa del Comune di Firenze il comunicato congiunto Comune-Sindacati, di cui riportiamo le prime righe: «Incontro, questa mattina a Palazzo Vecchio, sulla situazione del Maggio musicale fiorentino. Erano presenti il sindaco Dario Nardella, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, e rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil (assente per impegni lavorativi fuori Italia il sindacato Fials, NB il sindacato di maggioranza fra gli orchestrali)». Questo il testo del comunicato congiunto Comune-sindacati al termine dell’incontro: «Premesso che la difficile e preoccupante situazione che ha portato a questo incontro rientra in un quadro generale che coinvolge quasi tutte le Fondazioni lirico-sinfoniche d’Italia e richiede una decisa azione di Governo, le parti hanno concordato la necessità di impostare un metodo di confronto e lavoro rivolto al futuro, con l’obiettivo di aprire una fase nuova in un ambito di relazioni sindacali e cittadine più disteso e collaborativo».

Ciò suonava come una sconfessione di molte delle azioni intraprese e attuate da Bianchi nei mesi e negli anni passati, all'insegna dello slogan “teniamo la barra dritta” (così nell'allocuzione rivolta al pubblico in occasione della prima del “Faust” recensito da chi scrive su questo sito). Dritta, se ci è consentito, anche a costo di andarsi a schiantare sugli scogli. Ricordiamo che sia la precedente sovrintendente Francesca Colombo che Bianchi hanno effettuato licenziamenti che le magistrature competenti hanno finito per giudicare arbitrari e che hanno comportato costosi reintegri e cospicui risarcimenti, e che Bianchi in particolare si è segnalato per una visione del proprio ruolo che ci contentiamo garbatamente di definire monocratica. Fra le sue azioni da commissario la cassazione della coproduzione con altri prestigiosi teatri e festival di “Written on skin” di George Benjamin, rivelatasi poi una delle più riuscite e circuitate operazioni di teatro musicale contemporaneo degli ultimi anni. Quindi, come sovrintendente, la guerricciola di logoramento a Mehta, la guerra aperta coi sindacati (che però hanno le loro colpe e le avranno finché CGIL e FIALS non riescano a mettersi d'accordo su qualcosa), i costosi e per ora improduttivi investimenti in materia di comunicazione, a partire da quel famoso e brutto video sull'Opera di Firenze che avrebbe dovuto diventare (a detta dell'allora responsabile della comunicazione, Paola Calvetti) “virale” in tutto il mondo, e che su youtube registra 2632 visualizzazioni. Per non dire delle “incomprensioni” con i commissari governativi incaricati di verificare i piani di risanamento presentati dall'Opera di Firenze. Forse anche questi commissari, come tanti di noi, si chiedevano il perché di certe spese, figure, cariche, aumenti di stipendio ai dirigenti (se ne è molto parlato nel 2016), quando, come prima cosa, si era imposto ai dipendenti di stringere la cinghia e di parecchi buchi.

Però oggi, proprio nell'atto di dimettersi, Francesco Bianchi dice una cosa giusta, sacrosanta, importante: vuole tornare a fare il suo lavoro, il lavoro che sa fare, il banchiere. Imparate, imparate, voi che dovrete nominare il prossimo sovrintendente. Perché, contrariamente a quello che pensano i politici, fare il sovrintendente di un teatro come questo non è un “incarico” per qualche uomo di gestione, o di cultura, o di prestigio, o di buone entrature politiche. E' un mestiere, anche se è vero che oggi in Italia ci campa benissimo qualche “mestierante”, soprattutto di quella specie di mestieranti che sembrano così bravi a insegnarlo agli altri, il mestiere. E a Firenze l'ultimo sovrintendente che sapesse fare questo mestiere è stato Francesco Ernani. Che se ne è andato da qui, se la memoria non ci inganna, alla fine degli anni Novanta. E' forse inutile mettersi a cercare in tutta fretta sovrintendenti solidi e sperimentati nel mestiere qui in Italia: c'è da temere che non verrebbero. E allora, almeno per forma e per decoro, un bando regolare in cui per una volta chi sa o pensa di avere le carte in regola possa farsi avanti. Questa sì che sarebbe una novità, per Firenze. Perché altrove è stato già stato fatto.

27 febbraio, 2017 - 15:57
di Stefano Nardelli

Il Monteverdi vivo di Gardiner

Con il progetto “Monteverdi 450” il direttore inglese porta le tre opere del compositore al Teatro la Fenice di Venezia
segue >
di Mauro Mariani

Due violini a Ravenna Festival

Onofri in Corelli e Mutter in Mendelssohn
segue >
di Emanuele Arciuli

La qualità per rilanciare il Conservatorio

Pensieri di un commissario esterno a Santa Cecilia
segue >
di Elisabetta Torselli

Tempo Reale, sinfonia per dispositivi

"Teatro sonoro” nell'ex Manifattura Tabacchi
segue >
di Stefano Nardelli

Saint-Saëns e Lemoyne nella stagione parigina del Bru-Zane

Le timbre d’argent all’Opéra Comique e Phèdre ai Bouffes du Nord
segue >
di Stefano Jacini

Chailly per Milano

Dalla Scala a Piazza Duomo
segue >
di Stefano Nardelli

Pentecoste scozzese a Salisburgo

Ariodante, La donna del lago e Cencic al Festival di Pentecoste
segue >
di Alessandro Rigolli

Tra i rumori e i colori del Ravenna Festival I

Da “Junun” alle foto di Lelli & Masotti
segue >
di Benedetta Saglietti

Il Ravenna festival è anche futurista

"Uccidiamo il chiaro di luna”
segue >
LEGGI TUTTI I BLOG

ricerca dei blog

testo
genere



© 2017 EDT Srl - Via Pianezza, 17 - 10149 Torino - Partita IVA 01574730014