Blog


Beatrice Rana tra i Magnifici Sei

di Silvana Porcu
La standing ovation alla fine dell’ultima esibizione avrebbe potuto essere un buon segno. Ma qui alla Cliburn Competition succede quasi sempre che il pubblico si alzi in piedi dopo le performance dei concorrenti. E non c’entra la proverbiale generosità dei texani di Fort Worth che ogni pomeriggio riempiono la platea della Bass Performance Hall. È semplicemente che i concorrenti di questa quattordicesima edizione del concorso di pianoforte sono davvero una gioia da ascoltare. E Beatrice Rana, ieri sera, è riuscita nell’impresa di arrivare in finale, entrando nella rosa di 6 nomi che ora si contenderanno il titolo per il resto della settimana.
Così l’Italia, che all’inizio sembrava messa benissimo con 6 concorrenti su 30, vede uscire dal concorso anche il suo secondo semifinalista, Alessandro Deljavan. I due giovani (20 anni lei, 26 lui) hanno mostrato tutta la loro personalità negli ultimi due giorni. Beatrice Rana, magnetica e intensa, nell’ultima performance è stata la sintesi perfetta di coraggio, cuore ed eleganza, anche nel bel mezzo delle dissonanze e delle brusche rincorse dell’unica composizione obbligatoria: “Birichino”, commissionato a Christopher Theodofanidis per questa edizione del concorso. Su quelle stesse pagine, Deljavan ha preferito lasciarsi trasportare dal gioco senza tenere nulla per sé, regalando un’interpretazione impetuosa e divertente. Chissà che cosa ne avrebbe pensato Harvey Lavan “Van” Cliburn, l’uomo da cui tutto è cominciato. Il grandissimo pianista in onore del quale la competizione fu istituita nel 1962 è scomparso a febbraio, ma qui intorno il suo nome e il suo volto sono ovunque, non solo sul programma della manifestazione. Appena il discorso cade su di lui sono soprattutto i ricordi affettuosi ad affiorare: i momenti in cui tranquillizzava i concorrenti prima della gara, gli abbracci subito dopo le performance.
Immagini che riecheggiano anche nelle conversazioni fra i concorrenti di questa edizione. Adesso, per loro, c’è solo da aspettare. La gara riprenderà giovedì pomeriggio e andrà avanti fino a domenica. Ogni finalista – oltre all’italiana ci sono Sean Chen (Usa), Fei-Fei Dong (Cina), Vadym Kholodenko (Ucraina), Nikita Mndoyants (Russia) e Tomoki Sakata (Giappone) – dovrà eseguire un concerto da camera di Mozart o Beethoven e un concerto per orchestra sinfonica e pianoforte. Per chi avesse voglia di fare il tifo (e le ore piccole, dato che il Texas ha sette ore di differenza dall’Italia), tutte le fasi del concorso sono online in diretta sul sito del Concorso dove è anche possibile riascoltare le esibizioni dei giorni scorsi.
http://www.Cliburn.org
06 giugno, 2013 - 08:50
di Enrico Bettinello

L'energia di Torino

Il punto sui primi giorni del Torino Jazz Festival
segue >
di Fabio Zannoni

Il mondo ad Abu Dhabi

Lang Lang e l'Orchestre de Paris al Festival
segue >
di Marco Beghelli

Lucia intimistica, altro che oltraggiosa!

Donizetti senza scandalo al Covent Garden
segue >
di Elisabetta Torselli

Il Paese del Melodramma per Verybello non esiste

Il sito del Mibact che dovrebbe promuovere la bellezza italiana...
segue >
di Fabio Zannoni

Tutti i colori della Primavera di Montecarlo

Da Mahler alla musica popolare bretone
segue >
di Susanna Franchi

La cena dei boss

Scala: Martone mette in scena l'opera di Giordano
segue >
di Luca Canini

Le tristezze del jazz italiano

Appunti sparsi per una riflessione sul jazz italiano, fra edicole e festival
segue >
di Mauro Mariani

Sinfonia Romana

Stenz all'Opera, Pappano a Santa Cecilia
segue >
di Stefano Nardelli

La banda di Platel

“En avant, marsch!” di Alain Platel e Frank Van Laecke allo Schauspiel di Francoforte
segue >
LEGGI TUTTI I BLOG

ricerca dei blog

testo
genere



© 2016 EDT Srl - Via Pianezza, 17 - 10149 Torino - Partita IVA 01574730014