Thurston Moore: la coscienza del rock’n’roll.

Il picco individuale dell’ex chitarrista e cantante dei Sonic Youth.

Articolo
pop

Thurston Moore Rock n Roll Consciousness Caroline

Facendo i conti, dall’esordio dei Sonic Youth – con l’EP omonimo – sono trascorsi esattamente 35 anni. Eppure l’ipnotico crescendo intessuto sulle corde delle chitarre in “Exalted”, brano che apre la nuova prova da solista di Thurston Moore (quinta a suo nome, senza considerare il fitto archivio di esperimenti vari, registrazioni dal vivo e derive collaterali), sembra rievocare il fascino enigmatico di “I Dreamed I Dream”, episodio chiave in quel disco di debutto.

Ovviamente tutto questo tempo non è trascorso invano e frattanto la storia della band più influente nel sottobosco rock statunitense di fine Novecento è terminata ormai da sei anni. Il percorso individuale di Moore è stato in seguito avvincente ma zigzagante, come se il chitarrista e cantante newyorkese non riuscisse a mettere bene a fuoco il senso della propria musica. Cosa che in questa circostanza, viceversa, avviene in maniera evidente. Possibile sia dipeso dall’assestamento della sua vita a Londra, dove si è trasferito nel 2013. Ne sono riverberi alcuni dettagli significativi: responsabile della produzione è Paul Epworth (uno che ha messo la firma su lavori di artisti tipo Adele, Coldplay e U2), mentre alla scrittura di tre pezzi dei cinque qui inclusi ha partecipato – conferendovi un tono insieme visionario e vagamente mistico – il poeta transgender locale Radieux Radio, già avvistato nel precedente The Best Day.

Confermata al completo anche la formazione impiegata allora: l’altro chitarrista James Sedwards, la bassista Debbie Googe (nota per l’esperienza nei My Bloody Valentine) e il batterista Steve Shelley, a sua volta reduce dall’avventura della Gioventù Sonica. A dispetto delle analogie e nonostante la reputazione mainstream di Epworth, rispetto a quell’album Rock n Roll Consciousness è molto più arcigno sul piano musicale: “Cusp”, ad esempio, aggredisce l’ascoltatore con irruenza ciclonica. E se il ritmo diventa meno incalzante, come accade nella riflessiva “Smoke of Dreams”, affine a certe cose del migliore Neil Young “elettrico”, l’effetto non è affatto conciliante.

Si tratta dei due brani più concisi del repertorio, protratti comunque oltre la soglia dei sei minuti, quando il citato pezzo d’apertura e “Turn On” veleggiano al di là dei dieci: indizi della vocazione da jam session che deve aver aleggiato sulle sedute di registrazione, rappresentata in modo eloquente dallo sviluppo free form della conclusiva “Aphrodite”. Risultato: l’opera più convincente realizzata finora dal cinquantottenne Thurston Moore.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Gli ultimi tre anni della vita di Nico nel lungometraggio di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione “Orizzonti” all’ultimo Festival di Venezia

pop

L’eco dell’ultimo decennio del Novecento si riverbera nei nuovi lavori di Cristina Donà, Mauro Ermanno Giovanardi e Cesare Malfatti

pop

La morte del bassista dei Can, e la sua influenza sulla musica pop del secondo Novecento