TFF3 | Amori jazz e spasso nel backstage

Il Torino Film Festival si chiude con la spontaneità di due film-documento

Articolo
pop
Batterista jazz del New Jersey, 24 anni, Damien Chazelle con "Guy and Madeline on a park bench" voleva realizzare "un musical in cui la gente inizia spontaneamente a cantare e ballare come se fosse la cosa più nomale del mondo, e volevo girarlo in un luogo che conosco". Le storie di innamoramenti rotture e fughe di giovani talenti jazz così si raccontano in un bianco e nero bostoniano, fresco e "vero", cui il 27° Torino Film Festival ha riconosciuto l'ex aequo del Premio speciale della Giuria.
Spassoso, cinico e girato con 30.000 sterline e due telecamere SLR sulla spalla del regista britannico Shane Meadows è il "mockumentary" dedicato alla prima volta davanti a 50.000 spettatori del ciccione rapper di Nottingham Dean Palinczuk: il suo amico Paddy Considine è un cazzone, uno stronzo, un fallito irlandese che vivacchia come roadie di alcun band indie-rock; fa un figlio con una ragazzona che lo mette fuori ma gli lascia affettuosamente frequentare il marmocchione accudito da un nuovo compagno mite e educato, beve troppa birra, e ha scritto con il regista questo soggetto, una specie di diario on the road di 5 giorni di riprese, sino alla grande arena di Manchester dove i simpatici e raffinati Arctic Monkeys (Nick O'Malley e Jamie Cook) decidono di far aprire il loro concerto dal talento di Scor-Zay-Zee, il nickname hip hop del quasi autistico Dean: Le Donk (il personaggio creato da Paddy) è spassoso, un Andy Capp dell'Inghilterra povera e eccentrica, e "Le Donk & Scor-Zay-Zee" (nella foto) è un modo esilarante e iper vero per raccontare il dietro le quinte del rock.
La prossima edizione del Torino Film Festival si svolgerà dal 26 novembre al 4 dicembre 2010.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Gli ultimi tre anni della vita di Nico nel lungometraggio di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione “Orizzonti” all’ultimo Festival di Venezia

pop

L’eco dell’ultimo decennio del Novecento si riverbera nei nuovi lavori di Cristina Donà, Mauro Ermanno Giovanardi e Cesare Malfatti

pop

La morte del bassista dei Can, e la sua influenza sulla musica pop del secondo Novecento