Petrella ai confini della galassia

Con il progetto Cosmic Renaissance il trombonista pubblica uno dei suoi lavori migliori di sempre

Articolo
jazz

Gianluca Petrella – Cosmic Renaissance
Cosmic Renaissance
Spacebone Records

Buone nuove dagli anelli di Saturno: Gianluca Petrella è tornato tra comete e pianeti per l'ennesimo viaggio ai confini della galassia jazz. A bordo di un'astronave fresca di varo e super futuribile: il quintetto Cosmic Renaissance, versione ridotta e più comodamente scarrozzabile della (fu?) Cosmic Band. Medesime le coordinate della nuova missione interstellare: da qualche parte tra il Sun Ra più visionario (diventato ormai una magnifica ossessione per Petrella) e un'idea sfrigolante di avanguardia (molto più Chicago che New York).

Mirco Rubegni (tromba), Francesco Ponticelli (basso elettrico), Simone Padovani (percussioni) e Federico Scettri (batteria ed elettronica: semplicemente strepitoso) i cosmonauti assoldati dal trombonista per questo riuscitissimo esordio pubblicato dalla Spacebone Records (l'etichetta di casa) e disponibile soltanto in vinile. Riuscitissimo per l'efficacia del mix di rimandi e suggestioni, per l'utilizzo ficcante dell'elettronica, per il senso ritmico obliquamente urbano che pulsa fin dall'iniziale "Rings": avvio pulviscolare, sognante, il trombone che gorgoglia in lontananza, una radiazione di fondo; poi, verso il terzo minuto, l'improvvisa e bruciante accelerazione, con la batteria che martella secca (chiudendo gli occhi sembra di stare in un pezzo di Robert Glasper) e i fiati che incalzano baldanzosi. Un gran bel sentire.



Non da meno la conclusiva "U Turn", introdotta da un minaccioso stratificarsi di rumore bianco e capace poi di piazzarsi a metà del guardo tra Herbie Hancock e Steve Coleman. Nel mezzo la suadente "Dig", la robotica "Monday" e l'irrisolta "Sun Ra Sound of Love", omaggio esplicito a colui che dallo spazio profondo vede e provvede. Nume tutelare di un Ep che presto avrà un seguito (sempre e solo vinilico) e che si impone come una delle cose migliori pubblicate da Petrella (non solo recentemente). Bene, bravi, bis.

Foto di Roberto Cifarelli.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Lo stato dell'arte della fotografia jazz in Italia, il mestiere di fotografo oggi: un'intervista a Luciano Rossetti

jazz

Intervista ai Roots Magic, freschi del secondo disco (Last Kind Words) per Clean Feed

jazz

Narrazioni Jazz licenzia il direttore artistico Stefano Zenni: un progetto nato male