Low: spleen e spiritualità

È un elogio della lentezza (e del minimalismo) il nuovo disco del trio di Duluth

Articolo
pop

Low
Ones and Sixes
Sub Pop

Con l'undicesimo album della serie, quinto consecutivo per conto della celebre etichetta indipendente di Seattle, i Low riaffermano le prerogative che definiscono il loro profilo artistico, anziché avventurarsi chissà dove in cerca di novità. Avendo alle spalle capolavori quali Drums and Guns (2007) e The Great Destroyer (2005), dovevano più che altro rassicurare se stessi e il proprio pubblico dopo il mezzo passo falso compiuto due anni fa con The Invisible Way.

Campioni del cosiddetto slowcore (una sorta di esasperazione della lentezza in chiave minimalista), ne rivisitano i precetti in episodi come "Gentle" e "The Innocents", in cui si alternano in voce e duettano il chitarrista Andrew Sparhawk e la batterista Mimi Parker, nucleo fondante del trio di Duluth (medesima cittadina del Minnesota che ha dato i natali a Bob Dylan), nonché coppia nella vita privata e mormoni praticanti. È un'insolita combinazione fra spiritualità e spleen esistenzialista a dare forma e senso alle canzoni, inclini perciò a una malinconia contemplativa, evidente sia nell'austera "No Comprende" sia nella struggente "Into You". Ciò non impedisce loro alcuni occasionali slanci pop, testimoniati qui dalle squisite "Lies" e "What Part of Me". Non tutto sta a quei livelli e a tratti - in "Landslide", che soccombe di fronte al peso delle sue stesse ambizioni, protraendosi con fatica per quasi dieci minuti, ad esempio - l'ispirazione sembra venir meno. Ma fare musica è come tirare i dadi: possono uscire i sei, oppure gli uno. E il titolo del disco pare alluda appunto agli alti e bassi che la sorte riserva a chi la tenta.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Gli ultimi tre anni della vita di Nico nel lungometraggio di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione “Orizzonti” all’ultimo Festival di Venezia

pop

L’eco dell’ultimo decennio del Novecento si riverbera nei nuovi lavori di Cristina Donà, Mauro Ermanno Giovanardi e Cesare Malfatti

pop

La morte del bassista dei Can, e la sua influenza sulla musica pop del secondo Novecento