L’immaginazione al potere

Il folgorante disco d’esordio di due ragazzine terribili: Let’s Eat Grandma

Articolo
pop

Let’s Eat Grandma
I, Gemini
Transgressive

Descrive che aria tiri il nome che si sono date: “Mangiamo nonna”. Nipotine crudeli, come in una favola gotica. E a questo proposito, hanno una canzone che rievoca la figura di Raperonzolo: “Il mio gatto è morto, mio padre mi picchia, sono scappata, ho davvero fame”. Conclusione: “Non mi sto divertendo in questa fiaba”. Benvenuti nel mondo fantastico e surreale di Jenny Hollingworth e Rosa Walton, inglesine di Norwich: rispettivamente 17 e 16 anni.

Amiche dall’infanzia e – lascia intendere il titolo dell’album con cui debuttano – anime “gemelle”, fanno musica insieme dal 2012. E che musica! Suonano strumenti della più varia specie – fiati, pianoforte, sintetizzatore, violoncello, chitarra, batteria, harmonium – e architettano brani dalla struttura complessa, al tempo stesso enigmatici e naïf, parlando – per restare all’alimentazione – di funghi shiitake e torte fangose al cioccolato. L’effetto è conturbante, riassunto nel contrasto comunicativo fra l’aspetto da giovani bellezze preraffaelite e il senso di costante inquietudine che ne pervade l’immaginazione creativa (basti ascoltare “Sleep Song”, dove il sonnambulismo si tramuta in incubo a occhi aperti).



Sul piano espressivo potremmo evidenziare analogie con la primissima Kate Bush (l’ambizione orchestrale degli arrangiamenti), Joanna Newsom (il canto fragile e quasi stridulo) o le CocoRosie (l’ingenuità ostentata nella scrittura), ma faremmo torto alla sostanziale originalità della cifra stilistica del duo, simboleggiata dagli episodi migliori della raccolta: l’iniziale “Deep Six Textbook”, distillato di spleen adolescenziale in salsa Twin Peaks, o la seconda parte di “Welcome to the Treehouse”, sospesa fra trance percussiva e lirismo siderale. Lo spettro sonoro di I, Gemini è amplissimo, abbracciando tanto il pop elettronico di nuova generazione (“Eat Shiitake Mushrooms” contiene persino un buffo inserto rap) quanto il folk arcaico (“Uke 6 Textbook”, all’epilogo, consiste di voci, ukulele e glockenspiel). Un disco sbalorditivo, per più di una ragione.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Nuovo disco Le promesse del mondo per Flavio Giurato, cantatore sui generis e musicista di culto dai tempi de Il tuffatore (1982)

pop

Non convince il biopic di Mark Gill dedicato alla vita di Steven Morrissey prima della nascita degli Smiths

pop

Al festival SEEYOUSOUND di Torino la prima italiana di The Public Image Is Rotten, docufilm dedicato ai PIL di Johnny "Rotten" Lydon