La luce lunare del Camerun

Uno splendido lavoro in trio per Aly Keïta, Jan Galega Brönniman e Lucas Niggli

Articolo
world

Aly Keïta / Jan Galega Brönniman / Lucas Niggli
Kalo-Yele
Intakt

Kalo-Yelein lingua Bambara significa “La luce della luna”, e il primo fatto da rimarcare, in questo splendido cd, è che in effetti le dieci tracce sembrano davvero pentagrammi di origine “trad” illuminati dal pallido astro, attizzatoio millenario di ricordi, emozioni, desideri.
Aly Keïta (la famiglia di è la stessa di Salif Keita) è un nome che gli appassionati di world music hanno ben presente: il suo balafon cromatico, autocostruito con grande tecnica, s'è ascoltato nei gruppi di Trilok Gurtu, dell'indimenticabile Joe Zawinul dei Weather Report, e anche nelle eccellenti prove registrate dal Trio Ivoire, un gruppo forse sottovalutato. Meno noto il fatto che Brönniman, sinuoso esperto dei clarinetti (compreso il difficile clarinetto basso) e sassofonista soprano, e Lucas Niggli, batterista, musicisti di cultura continentale e in genere associati alle avanguardie jazz europee, siano nati entrambi in Camerun. Lì hanno a lungo frequentato le note d'Africa, in diverse declinazioni, peraltro.



Il disco nasce da un primo incontro nel 2014 di Aly e Niggli al Rietberg Museum di Zurigo, per sonorizzare una mostra di maschere ivoriane. Detto fatto, e gioco allargato poi a Jan Galega Brönniman. La flessuose curve melodiche pentatonali del balafon di Aly trovano intelligente sponda e raffinatissimo interplay nelle ance e nei tamburi. È un disco senza tempo, e felicemente indefinibile: un flusso poliritmico e radioso che a volte sembra anche prendere tinte malinconiche: la “luce della luna”, appunto.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

Il 14 settembre all'Auditorium Parco della Musica di Roma il gruppo di Gastone Pietrucci festeggia mezzo secolo di storia con un concerto speciale

world

Intervista a DJ Khalab (alias Raffaele Costantino) intorno al nuovo Black Noise 2084: elettronica e musica africana oggi

world

Dall'Italia alla Repubblica Ceca, il meglio dell'estate del folk e della world music