I suoni del 2016

Dieci souvenir musicali dell’anno che sta finendo

Articolo
pop

David Bowie, Blackstar

È stato un anno segnato dagli addii: Prince e Leonard Cohen, per dirne due. Di tutti, il più struggente è stato quello di David Robert Jones, morto due giorni dopo la pubblicazione di un ultimo disco: come se avesse sceneggiato la cerimonia del suo commiato dal mondo. Da ciò l’intensità quasi soprannaturale che lo informa: “Sono in pericolo, non ho più niente da perdere”, canta in “Lazarus”…

LEGGI LA RECENSIONE.

Nick Cave & The Bad Seeds, Skeleton Tree

Una tristezza profonda pervade anche l’album dell’artista australiano, reduce dalla scomparsa del figlio quindicenne Arthur. Non v’è infatti sofferenza più lacerante di quella che subiscono i genitori colpiti da una simile tragedia. Un’elaborazione del lutto scandita in otto episodi: da “Jesus Alone”(“Sei caduto dal cielo, schiantandoti in un campo vicino al fiume Adur”) a “Skeleton Tree” (“Adesso è tutto a posto”). Un capolavoro amaro.

LEGGI LA RECENSIONE.

Frank Ocean, Blond(e)

D’altra parte è però doveroso celebrare la vita. Come fa l’“oceanico” californiano ostentando sentimenti a cuore aperto, senza dissimulare la propria elusività di “genere”: un atto di coraggio nel contesto storicamente omofobico dell’hip hop. A ciò si aggiunga la musica, ingegnosa e formalmente audace nel mettere in scena una sorta di spleen del ghetto.

LEGGI LA RECENSIONE.

Anohni, Hopelessness

Coraggio che non è certo mancato al fu Anthony Hegarty nell’affrontare una metamorfosi riguardante tanto l’identità sessuale quanto l’attitudine artistica. Affiancato dai produttori elettronici Hudson Mohawke e Oneohtrix Point Never, non più dai romantici archi dei Johnsons, ha reinventato l’idea stessa della “canzone di protesta” prendendo di mira il riscaldamento globale, la pena di morte, la sorveglianza di massa e le bombe sganciate dai droni.

LEGGI LA RECENSIONE.

Nicolas Jaar, Sirens

Ha densità politica pure il nuovo lavoro del giovane newyorkese, che rievoca il Cile da cui fuggirono i genitori per sottrarsi alla dittatura militare associandone i ricordi a un corredo sonoro al solito originale e raffinato, fra echi di post punk e ritmi di cumbia.

LEGGI LA RECENSIONE.

Tim Hecker, Love Streams

Rimanendo nella sfera del suono elettronico, non si può dimenticare l’opera del produttore canadese, capace di ricollocare al tempo corrente le polifonie rinascimentali del compositore fiammingo Josquin des Prez. Impresa che avvince per il modo nel quale trasforma una premessa concettuale in pathos emotivo.

LEGGI LA RECENSIONE.

Ian William Craig, Centres

Su lunghezze d’onda analoghe si muove un suo connazionale meno noto ma dotato di altrettanto talento. Congegna musiche “difettose” ricorrendo a tecnologie obsolete e tuttavia ne ricava – con un’alchimia prodigiosa – effetti vertiginosamente avveniristici.

LEGGI LA RECENSIONE.

Jenny Hval, Blood Bitch

Altra intelligenza inquieta: la cantante e compositrice norvegese sfida il bon ton dedicando un disco intero al tabù del ciclo mestruale, appena celato dietro la metafora del vampirismo. Architetta così, con acume e grazia, avant-pop degno di Björk o Laurie Anderson.

LEGGI LA RECENSIONE.

I Cani, Aurora

Un po’ d’Italia non guasta affatto. E dovendo scegliere qualcuno che ne rappresenti la tradizione pop con intenzione innovativa, chi meglio di Niccolò Contessa? Testi come pochi altri ne scrivono oggigiorno e melodie che sanno essere contagiose evitando le insidie del banale. Canzone d’autore per la generazione digitale.

LEGGI LA RECENSIONE.

Swans, The Glowing Man

E per finire, il canto dei Cigni: ossia il passo d’addio di questa versione della band guidata da Michael Gira, fautrice di una visione del rock poderosa e solenne quanto una sinfonia. Un epilogo adeguato al valore della sua storia.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Festa per i fan di Sufjan Stevens: una raccolta di outtakes da Carrie & Lowell, un live e varie collaborazioni con Nico Muhly e Bryce Dessner

pop

Da Endrigo a Baglioni, cinque classici della canzone italiana arrangiati da Luis Bacalov

pop

Gli ultimi tre anni della vita di Nico nel lungometraggio di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione “Orizzonti” all’ultimo Festival di Venezia