I deliri di Lennon & Claypool

Il divertissement psichedelico della strana coppia Sean Lennon - Les Claypool

Articolo
pop
The Claypool Lennon Delirium
Monolith of Phobos
ATO Records

Questo pezzo potrebbe anche intitolarsi: Ah, quel tour fu galeotto! Perché Mr. Les Claypool (bassista inclassificabile, nonché testa matta dietro alle sigle Primus, The Holy Mackerel, Sausage eccetera), e Mr. Sean Lennon (figlio di cotanto padre, nonché co-autore del bel disco Midnight Sun, assieme a Charlotte Kemp Muhl, sotto la bislacca ragione sociale The Ghost Of A Saber Tooth Tiger), hanno pensato di unire le forze in studio dopo aver passato la scorsa estate a suonare fianco a fianco in tour, il primo con i Primus, il secondo con i GOASTT.

Risultato: un disco che attinge in egual parte alla follia lennoniana e a quella claypooliana. Ne fa fede il brano eponimo che apre questo disco: l'atmosfera generale è quella di una psichedelia dilatata e morbida, tipica dei GOASTT, alla quale si aggiunge, qui e là, il canto di Les, che fa tanto Primus d'antan. Lo schema si ripete grossomodo per ciascuna delle undici tracce qui contenute, e il rischio, a dire il vero, è che la strana coppia finisca per lasciare insoddisfatti i fan dell'uno come dell'altro artista.



O forse no: forse l'album della premiata ditta Claypool/Lennon riuscirà a vincere le perplessità dell'ascoltatore-tifoso, e finirà per conquistarsi un nuovo pubblico. Un pubblico che ama la psichedelia progressive con tanto di flautini e ritmi sincopati ("Cricket And the Genie Movement I&II"), che non disdegna il teatrino dei Sausage unito alla psichedelia più liquida, e che di certo gradirà incontrare uno dei tanti personaggi bislacchi partoriti dalla fantasia patafisica di Claypool ("Captain Lariat"). Nel complesso, il disco è un divertissement a tutti gli effetti, ma potrebbe anche essere l'inizio di qualcosa. Stay tuned!

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Gli ultimi tre anni della vita di Nico nel lungometraggio di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione “Orizzonti” all’ultimo Festival di Venezia

pop

L’eco dell’ultimo decennio del Novecento si riverbera nei nuovi lavori di Cristina Donà, Mauro Ermanno Giovanardi e Cesare Malfatti

pop

La morte del bassista dei Can, e la sua influenza sulla musica pop del secondo Novecento