I 10 festival Jazz dell'estate, in Italia e in Europa

Concerti sul mare, in montagna, nelle città d'arte: da Manchester a Fano, da Gaeta a Lisbona, il meglio dell'estate jazz 2018

Festival Jazz Estate 2018 - Musica sulle bocche
Musica sulle Bocche (foto Giulio Capobianco)
Articolo
jazz

Coraggiosi o classici, in posti pazzeschi o in sale più tradizionali, aperti all’incontro con altri linguaggi o tenacemente legati alle proprie radici. Sono i festival di jazz (e di quanto altro gira intorno a un pubblico mediamente curioso), tantissimi ogni estate in Italia e in Europa.

Alcuni ottimi cartelloni sono già iniziati, appena terminati o stanno terminando in queste ore: pensiamo al Ground Music Festival, a Ljubljana Jazz, a Sile Jazz (che in luglio riserva alcune ottime cose), al SüdTirol Jazz Festival), altri devono ancora presentare i programmi... Molti altri ce ne sarebbero; intanto, ne abbiamo scelti 10 per voi.

VAI AI MIGLIORI FESTIVAL DI WORLD MUSIC

1. Fano Jazz By the Sea (13-29 luglio)

Venticinquesima edizione per questo festival, punto di riferimento dell’estate jazz adriatica, sul palco della Rocca Malatestiana e non solo. Come sempre il taglio del festival è quello di unire qualità e fruibilità: il programma di quest’estate lo fa decisamente al meglio, con nomi quali Tingvall Trio, Brad Mehldau, Stanley Clarke, il Devil Quartet di Paolo Fresu, Dee Dee Bridgewater, GoGo Penguin e Bill Frisell.  Spazio anche ai talenti più scalpitanti di casa nostra, con Simone Graziano, Federica Michisanti, Pasquale Mirra e Giovanni Guidi.

Il nostro consiglio è di non lasciarsi scappare il concerto di Vijay Iyer.

fanojazznetwork.it/fano-jazz-by-the-sea-festival

Festival Estate 2018
Foto Michele Alberto Sereni

2. Copenhagen Jazz Festival (6-15 luglio)

Periodo ideale per visitare Copenhagen e immergersi in un festival ricchissimo come quello che anima in ogni angolo la capitale danese. Tra proposte classiche (c’è il mitico batterista Albert Tootie Heath) e un ampio sguardo sulle nuove proposte della terra di Amleto – valgono la pena! – ricordiamo Jenny Hval, Rokia Traorè, Pharoah Sanders, The Comet Is Coming, Charles Lloyd & The Marvels con Bill Frisell, Jakob Bro, Hermeto Pascoal.

Il nostro consiglio è di andare alla scoperta dei suoni di Ibrahim Electric, Horse Orchestra e Hailu Mergia.

jazz.dk/en/copenhagen-jazz-festival-2018

Festival Jazz 2018
Foto K.J. Poulsen

3. Umbria Jazz (13-22 luglio)

Amato, odiato, influente, svenduto, imperdibile, perdibilissimo. Se ne dicono di tutti i colori sul principale festival italiano di jazz e come sempre la verità sta un po’ nel mezzo, nel senso che è difficile chiedere a un festival che risponde a logiche economiche di un certo tipo di farsi carico di certe finezze. Non mancano però cose interessanti, come sempre, sui palcoscenici perugini: nomi come Gilberto Gil, Caetano Veloso, David Byrne, Massive Attack, se certo non hanno molto a che vedere con il jazz sono sempre scelte di inappuntabile qualità artistica. Così come Quincy Jones, Gregory Porter, la Hypnotic Brass Ensemble, Pat Metheny, tra i big annunciati.
Come spesso accade il meglio sta in eventi collaterali: il duo Petrella/Mirra, il quartetto di Billy Hart, Dan Kinzelman Ghost, la Mingus Big Band, il sestetto di Vijay Iyer.

Il nostro consiglio è di non lasciarsi sfuggire il trio Ponticelli/Diodati/Vignato e il solo di Ethan Iverson.

umbriajazz.com

Festival Jazz Estate 2018

4. Jazz Em Agosto, Lisbona (29 luglio-5 agosto)

Zorniani di tutto il mondo, unitevi! Come sta succedendo sempre più spesso (un po’ per questione di costi, un po’ perché trattandosi di questo artista la cosa ha decisamente senso) alcuni festival scelgono di dedicare l’intero programma alla musica di John Zorn e della sua ampia famiglia Tzadik. Così sarà a Lisbona (che sarà anche sede della European Jazz Conference in settembre) per Jazz Em Agosto al centro Gulbenkian. Tutto lo Zorn che vi potete immaginare e anche di più: Milford Graves, Marc Ribot, Mary Halvorson, Thurston Moore, Dave Douglas, Kris Davis, Craig Taborn, Ikue Mori, Trevor Dunn, Barbara Hannigan e molti altri… qui inutile darvi il nostro consiglio.

gulbenkian.pt/jazzemagosto/en/jazz-agosto-2018

Festival Estate 2018

5. Gaeta Jazz Festival (19-22 luglio)

Anche qui la location parla da sé. Il programma poi è interessante perché cerca di muoversi verso linguaggi e pubblici più giovani, legati alla scena black.
Interessantissimo il gruppo del chitarrista Andrea Molinari, che coinvolge Enrico Zanisi, Matteo Bortone e Enrico Morello (nomi ben noti a chi segue in nuovo jazz italiano) e il sassofonista Logan Richardson per un progetto originale. Ma spazio anche al trio del batterista Yusef Dayes, ai ritmi di Gabriele Poso, all’immarcescibile James Senese.

Il nostro suggerimento è di lasciarsi avvolgere dal sound neapolitan-funk dei Nu Guinea.

gaetajazzfestival.it

Festival Estate 2018

6. Time In Jazz Berchidda (7-16 agosto)

Trentunesima edizione per questo festival dall’atmosfera unica, inestricabilmente legato al paesaggio, umano e fisico, di questa terra a nord della Sardegna. Il padrone di casa, Paolo Fresu, ha invitato quest’anno, tra gli altri: Nils Landgren, Steve Coleman, Matteo Bortone, Enrico Zanisi, Enrico Rava, Stefano Tamborrino, Fanfarai, Francesco Diodati.

Molti italiani, molti giovani, ottima idea! Tra questi la nostra segnalazione va per il quartetto del contrabbassista Gabriele Evangelista.

timeinjazz.it

Festival Jazz 2018 Estate
Foto Martino Luciano

7. Saalfelden Jazz Festival (23-26 agosto)

Il principe dei festival estivi europei. Influencer e trend-setter nel cuore delle Alpi Austriache, tra sogni che diventano realtà e nuove proposte sempre avventurose. In programma quest’anno molti giovani austriaci (occhio), Marc Ribot, Nicole Mitchell, Elliott Sharp, Leila Martial, Erik Friedlander e molto altro…

Il nostro suggerimento è di non perdere il quartetto della trombettista Jaimie Branch e il progetto Freaks del violinista Théo Ceccaldi.

www.jazzsaalfelden.com

Festival Estate 2018
Marc Ribot (foto Sandlin Gaither)

8. Musica sulle Bocche (23-26 agosto)

Ancora nord della Sardegna, qui siamo in Gallura, quindi ancora posti straordinari. Pasquale Mirra con Dudu Kouaté, il trio di Alessandro Lanzoni con Ben Wendel, i Concordu di Castelsardo, Sergio Cammariere, Danilo Perez, Trilok Gurtu e spazio a giovani talenti.

Il nostro consiglio è di non perdere il concerto in spiaggia all’alba: quest’anno suona la musicista pop catalana Clara Peya.

musicasullebocche.it

Festival Estate 2018
Foto Ziga Koritnik

9. Pescara Jazz (16-26 luglio)

Festival di grande tradizione, quello di Pescara sta lavorando molto bene sulla straordinaria risorsa che sono i Conservatori di tutta Europa. C’è molto di questo nel programma: l’Amsterdam Conservatorium Band, l’Orchestra Nazionale Jazz dei Conservatori, accanto al collettivo berlinese EMX, all’Orchestra Nazionale Giovani Talenti diretta da Paolo Damiani, al trio di Claudio Filippini. I grandi nomi sono quelli di Bill Frisell, Pat Metheny, Benny Golson, Brad Mehldau.

Noi vi segnaliamo il gruppo guidato da Giovanni Guidi e Fabrizio Bosso.

pescarajazz.com

Festival Estate 2018
Foto Paolo Iammarrone

10. Manchester Jazz Festival (20-28 luglio)

Dei tanti ottimi festival britannici, quello di Manchester (che una manciata di anni fa ha vinto anche il premio come festival europeo più innovativo) offre anche quest’anno un ottimo sguardo sulle tendenze d’oltre manica. Tra i tanti appuntamenti c’è il duo Binker&Moses, Yazz Ahmed’s Electric Dreams, Beats & Pieces, Paradox Ensemble e molto altro tutto da scorprire.

Il nostro suggerimento è di non perdere il focus sul giovane jazz francese, Jazz Migration: le proposte sono notevoli, a partire da Ikui Doki.

manchesterjazz.com

Festival Estate 2018
Foto Majpics

 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

La morte della regina del soul a 76 anni, dopo una lunga malattia: la sua storia in 10 brani

jazz

Una (doppia) playlist estiva con le 20 novità jazz più interessanti dei mesi estivi, tutte da ascoltare

jazz

Nino Locatelli racconta la filosofia della nuova etichetta: condivisione umana a 360°, attenzione al suono e all'oggetto-disco