Gli alti e bassi dei Baustelle

Un disco nuovo fatto di amore e violenza, sulla scia di Franco Battiato

Articolo
pop

Baustelle L’amore e la violenza Warner Music

Valgono i titoli di alcune canzoni: “Amanda Lear” e “La musica sinfonica”, “Eurofestival” e “Il vangelo di Giovanni”. L’intenzione di mescolare alto e basso è trasparente nel tessuto narrativo che sostiene il settimo album dei Baustelle, anticipato in ottobre da “Lili Marleen”: brano reso disponibile gratuitamente in rete ma escluso dalla sequenza del disco, in cui il name dropping metteva in riga Prévert, Apollinaire, Houellebecq e Bowie, incastonati in un fosco scenario parigino popolato da invasori nazisti e terroristi dell’Isis.

Per più di un motivo, a cominciare appunto dall’alternanza disinvolta fra massimi sistemi e minuzie quotidiane, si staglia quale modello di riferimento Franco Battiato. Anche in chiave sonora, a maggior ragione se si considera che a mixare le tracce è stato chiamato Pino “Pinaxa” Pischetola, partner del Maestro nella recente avventura del Joe Patti’s Experimental Group. A tratti sembra di aver di fronte un equivalente contemporaneo de La voce del padrone: dall’andamento pop sciocchino di “Eurofestival” (dove Rachele Bastreghi disegna, cantando, un quadro geografico inquietante: “Dalla Turchia all’Albania, posti di blocco, posti di polizia”) all’aura ascetica che pervade “Il vangelo di Giovanni” (altri scorci d’attualità: “Profughi siriani costretti a vomitare”, insieme a “orde di stranieri dentro alle fontane”) sfociando in un ritornello a presa rapida in apparente contrasto con il proposito espresso nel testo: “Io non ho più voglia di ascoltare questa musica leggera”.

Il suono è marcatamente elettronico, a volte persino premeditatamente kitsch (“La musica sinfonica”), quando altrove allude in trasparenza agli anni Ottanta (più Gazebo che Garbo, rimanendo nei confini nazionali), ad esempio in “Amanda Lear” o “L’era dell’Acquario”. Fa capolino in quest’ultima addirittura il Messia (“pregando nel Getsemani”), evocato pure all’epilogo in “Ragazzina”: “Scendi dalle stelle, scendi Re del Cielo, vieni in questa grotta al freddo e al gelo, tra Gesù Bambino e l’Uomo Nero”. È il ritratto di una delle giovani creature, smarrite e intemperanti, che abitano l’album: per prima “Betty”, “bravissima a giocare con l’amore e la violenza” sulle cadenze di una ballata dal portamento mesto e solenne. Oppure i protagonisti di “Basso e batteria”: “Lei ti ha consumato come un disco dell’estate, ti ha guardato correre su spiagge bianche deturpate”, citando il Brondi delle Luci della Centrale Elettrica.

È un guizzo pop dei tanti che fanno palpitare L’amore e la violenza, per certi aspetti affine ad Amen, ma rispetto al predecessore ammiccante in modo ancora più sfacciato. Che a tale prerogativa corrisponda in termini poetici un’amara istantanea della realtà circostante costituisce la vera sfida artistica dell’opera: salire dal basso verso l’alto per poi lasciarsi precipitare, cercando di sopravvivere. Poiché “la vita è tragica, la vita è stupida, però è bellissima, essendo inutile” (“La vita”).

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Gli ultimi tre anni della vita di Nico nel lungometraggio di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione “Orizzonti” all’ultimo Festival di Venezia

pop

L’eco dell’ultimo decennio del Novecento si riverbera nei nuovi lavori di Cristina Donà, Mauro Ermanno Giovanardi e Cesare Malfatti

pop

La morte del bassista dei Can, e la sua influenza sulla musica pop del secondo Novecento